Il Realismo nell'arte: riassunto e caratteristiche

0
230

Pur non essendo considerato un gruppo coerente, il Realismo (1840-1880) è riconosciuto come il primo movimento moderno nell'arte, che ha respinto le forme tradizionali di arte, letteratura e organizzazione sociale come superate sulla scia dell' Illuminismo e della Rivoluzione Industriale.

Il realismo in sintesi

Partendo dalla Francia del 1840, il realismo rivoluzionò la pittura, ampliando le concezioni di ciò che costituiva l' arte. Lavorando in un' epoca caotica segnata dalla rivoluzione e da un diffuso cambiamento sociale, i pittori realisti sostituirono le immagini idealistiche e le concezioni letterarie dell' arte tradizionale con eventi di vita reale, dando ai margini della società un peso simile a quello dei dipinti e delle allegorie della grande storia.

La loro scelta di portare la vita quotidiana nelle loro tele è stata una prima manifestazione del desiderio d'avanguardia di fondere arte e vita, e il loro rifiuto delle tecniche pittoriche, come la prospettiva, ha prefigurato le molte definizioni e ridefinizioni del modernismo del ventesimo secolo.

Caratteristiche principali del realismo in arte

  • Il realismo è ampiamente considerato l' inizio dell' arte moderna. Letteralmente, ciò è dovuto alla sua convinzione che la vita quotidiana e il mondo moderno fossero soggetti adatti all'arte. Filosoficamente, il realismo abbracciava gli obiettivi progressisti del modernismo, cercando nuove verità attraverso la revisione e il rovesciamento dei sistemi tradizionali di valori e credenze.
  • Il realismo si occupava di come la vita fosse strutturata socialmente, economicamente, politicamente e culturalmente a metà del XIX secolo. Questo ha portato a raffigurazioni "brutte", talvolta sconcertanti, dei momenti spiacevoli della vita e dell' uso di palette scure e terrose che hanno messo a confronto gli ideali di bellezza dell' arte più alta.
  • Il realismo è stato il primo movimento artistico esplicitamente anti-istituzionale e anticonformista. Pittori realisti hanno preso di mira i costumi sociali e i valori della borghesia e della monarchia su chi ha patrocinato il mercato dell' arte. Pur continuando a presentare le loro opere ai Salons dell' Accademia ufficiale d' Arte, non erano al di sopra dell' allestimento di mostre indipendenti per mostrare con sfrenatezza il loro lavoro.
  • In seguito all'esplosione della stampa di giornali e dei mass media sulla scia della Rivoluzione Industriale, il Realismo ha portato in una nuova concezione dell' artista come autopubblicista. Gustave Courbet, Édouard Manet e altri hanno volutamente corteggiato le polemiche e usato i media per aumentare la loro celebrità in un modo che continua tra gli artisti fino ad oggi.

Stili, opere e artisti principali

Sfidare la norma e corteggiare lo scandalo: Courbet e Manet.

Se negli anni Cinquanta del 1800 Courbet dipinse grandi opere con soggetti che mettevano in discussione i valori della società francese, Édouard Manet spinse ancora di più il realismo negli anni Sessanta del 1800.

Dopo essersi fatto un nome al Salon del 1861 con la sua opera Il chitarrista spagnolo (1860), presentò Le déjeuner sur l' herbe (1863), Colazione sull'erba al Salon del 1863. Anche se il dipinto fu respinto, venne mostrato nel Salon des Refusés (Salone dei Rifiutati).

Il chitarrista spagnolo - Manet
Il chitarrista spagnolo - Manet
Colazione sull'erba (Le déjeuner sur l'herbe) - Édouard Manet - 1863
Colazione sull'erba (Le déjeuner sur l'herbe) - Édouard Manet - 1863

Lì, la sincera rappresentazione di due giovani dandy di Manet, che cenano in una foresta con una donna completamente nuda, offendeva la sensibilità del suo pubblico, soprattutto uomini della classe media che partecipavano esattamente a quel tipo di relazioni con le prostitute parigine, e che non volevano ricordarsi di questo quando si recavano alle mostre d' arte, potenzialmente con le loro famiglie.

Manet costruì e alimentò tutte queste scandalose accuse quando presentò Olimpia (1863) al Salon del 1865.

Olympia Manet
Olympia - Édouard Manet - 1863

Olimpia, che pone lo spettatore nella posizione di un visitatore di un bordello che tenta di procurarsi una prostituta disinteressata, ha reso ancora più evidente l' intervento di Manet.

Per approfondire

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here