Gustave Courbet e il realismo

0
253

Gustave Courbet (1819-1877) fu il fulcro dell'emergere del Realismo verso la metà del XIX secolo. Rifiutando gli stili classici e teatrali dell' Accademia di Francia, la sua arte insisteva sulla realtà fisica degli oggetti che osservava, anche se quella realtà era semplice e imperfetta.

Il pittore francese ha scioccato il pubblico del XIX secolo con le sue opere d'arte realistiche, che spesso raffigurano persone comuni in ambienti naturali.

Gustave Courbet
Gustave Courbet

Repubblicano impegnato, vedeva anche il suo Realismo come un mezzo per difendere i contadini e la gente di campagna dalla sua città natale. Da tempo è famoso per la sua risposta agli sconvolgimenti politici che hanno colpito la Francia nella sua vita, e sarebbe morto in esilio in Svizzera quando è stato trovato responsabile dei costi di ricostruzione della Colonna di Vendome di Parigi.

Più di recente, tuttavia, gli storici hanno anche visto la sua opera come un importante preludio ad altri artisti del primo modernismo come Édouard Manet e Claude Monet.

Gustave Courbet Le Désespéré
Gustave Courbet, Le Désespéré,1845

Biografia

Gustave Courbet nasce il 10 giugno 1819 a Ornans, in Francia. A partire dagli anni Cinquanta del XIX secolo, Courbet è conosciuto come un nuovo artista audace della scuola realista, e colpisce la critica e il pubblico con i suoi dipinti di grandi dimensioni che mostrano scene di vita rurale quotidiana.

La partecipazione alla Comune di Parigi del 1871 fa sì che Courbet trascorra gli ultimi anni della sua vita in esilio in Svizzera, dove morirà il 31 dicembre 1877.

La prima infanzia e la formazione artistica

Jean-Désiré-Gustave Courbet, meglio conosciuto come Gustave Courbet, nacque il 10 giugno 1819 a Ornans, una piccola città della regione francese della Franche-Comté. Era il più anziano dei quattro figli di Eléonor-Régis Courbet, un prospero agricoltore e proprietario terriero, e Sylvie Courbet.

All'età di 14 anni, Courbet inizia a prendere lezioni di pittura con un artista locale chiamato "père" Baud. Nel 1837, Courbet si trasferisce a Besançon, dove continua a conoscere l'arte. Successivamente si trasferisce a Parigi, un trasferimento che gli permette di visitare il Louvre e di copiare opere di artisti come Rembrandt, Peter Paul Rubens, Caravaggio e Francisco de Zurbarán.

In questa prima fase della sua carriera artistica, Courbet dipinge alcuni autoritratti, tra cui "L'uomo disperato" (1841) e "Autoritratto con il cane nero" (1842). Quest'ultimo fu ammesso al Salon del 1844, prestigiosa mostra annuale, sponsorizzata dallo Stato, che si tiene a Parigi.

Un pioniere della pittura realista

Nel 1848, Courbet ottiene una svolta professionale quando dieci dei suoi quadri vengono ammessi al Salon di Parigi. Con la medaglia d'oro di seconda classe assegnatagli l'anno seguente, non gli viene più richiesto di sottoporre i suoi quadri ad una giuria per poterli esporre al Salon (questo statuto speciale durerà fino al cambiamento di regola nel 1857).

Mentre Courbet si afferma nella sua professione, Courbet è anche oggetto di controversie attraverso il suo lavoro. Nel mondo dell'arte parigina della metà del 1800, i dipinti che ricevono il massimo rispetto e lode sono grandi scene di soggetti storici, mitologici o biblici. Courbet lavora a grandi tele, ma sceglie di raffigurare episodi del mondo quotidiano della campagna francese, come "Gli spaccapietre", scena di due operai anonimi (1849).

Gli spaccapietre Courbet
Gli spaccapietre

Il "Funerale a Ornans" (1849-50) di Courbet raffigura un funerale nella sua città natale rurale, che perplessità e turbamento degli spettatori al Salon del 1851 per la sua rappresentazione della gente comune di campagna su scala monumentale.

Funerale a Ornans
Funerale a Ornans

Poiché la Francia e altri paesi europei erano stati recentemente tormentati dalle rivolte operaie durante gli sconvolgimenti del 1848, anche l'arte di Courbet è stata percepita come un forte messaggio politico.

Nel 1854-55, Courbet dipinge una grande opera autobiografica intitolata "Lo studio del pittore: Una vera e propria allegoria che riassume una fase settennale della mia vita artistica". Questa tela di quasi 20 piedi mostra Courbet che lavora al cavalletto circondato da persone - reali e simboliche - che hanno influenzato la sua vita e la sua carriera (le figure includono gli amici di Courbet, Charles Baudelaire e Pierre-Joseph Proudhon). Quando questo quadro fu respinto dalla giuria dell'Esposizione universale del 1855, Courbet rispose installandolo in una mostra delle sue opere che teneva in un vicino padiglione.

Fama e notorietà

Courbet continua inoltre a provocare il suo pubblico spingendo i confini della correttezza nella sua arte. "Fanciulle sulla riva della Senna" (1856) mostra due donne in abiti disorientati sdraiate in modo informale su una riva del fiume: scioccò molti spettatori, anche se il quadro fu lodato da alcuni critici. "Donna con pappagallo" (1866), una donna nuda, riceve una reazione simile.

Courbet Donna con pappagallo
Donna con pappagallo

Negli anni sessanta del XIX secolo, anni produttivi per Courbet, l'artista dipinge anche scene di caccia, nature morte e paesaggi meno controversi. In generale, la sua arte è stata accolta con vendite costanti e un successo costante.

Convinzioni politiche

Courbet fu un repubblicano per tutta la vita, il suo stile realistico di pittura e la scelta dei soggetti della vita quotidiana corrispondono alle sue convinzioni politiche. Dopo il crollo del regno di Napoleone III nel 1870, Courbet sostiene la Comune repubblicana di Parigi. Ma alla fine della Comune nel 1871, Courbet viene presto arrestato per aver partecipato alla distruzione della Colonna Vendôme, simbolo del regime napoleonico.

Gli ultimi anni

Courbet accetta la punizione iniziale per la distruzione della colonna: sei mesi di prigione e una piccola multa. Nel 1873, il fatto di essere ritenuto responsabile dei costi di reinstallazione della colonna lo spinge a trasferirsi in Svizzera.

Vivendo in esilio, Courbet ha pochi soldi e comincia a bere molto, anche se riesce a realizzare alcuni paesaggi e ritratti. Il 31 dicembre 1877, Courbet muore all'età di 58 anni a La Tour-de-Peilz, in Svizzera.

Concetti chiave del realismo di Courbet 

Il realismo di Courbet può essere inteso come parte di un' indagine più ampia sul mondo fisico che ha occupato la scienza nel XIX secolo. Ma nel suo stesso regno dell' arte, fu più ispirato dal suo disgusto per i rigori dell' Accademia di Francia. Rifiutò i trattamenti classici o romantici e invece prese umili scene di vita contadina - soggetti che di solito consideravano la roba della pittura di genere minore - e li realizzò per la grande pittura di storia. Per questo ha guadagnato enorme notorietà.

Durante la Comune di Parigi del 1871, Courbet abbandonò brevemente la pittura per un ruolo di governo. Questa era la caratteristica dei suoi impegni di sinistra. La sua arte non era palesemente politica, ma nel contesto dell' epoca non fu ignorata, poiché esprimeva idee di uguaglianza eroicizzando gli individui comuni, dipingendoli su grande scala e rifiutandosi di nascondere le loro imperfezioni.

Nel processo di sgombero della retorica della pittura accademica, Courbet si stabilì spesso su composizioni che sembravano collage e grezze alla sensibilità prevalente. A volte ha anche abbandonato la modellazione attenta in favore di applicare vernice fittamente in macerie e lastre rotte.

Tali innovazioni stilistiche lo resero molto ammirato dai modernisti successivi che promossero composizioni liberate e amplificarono la struttura superficiale.

Invece di affidarsi completamente al sistema del Salon gestito dallo Stato, Courbet ha sperimentato la retrospettiva personale come un' impresa commerciale privata, un approccio che molti artisti rinnegati in seguito seguirono.

Courbet dipinse costantemente in modo realista durante tutto il suo periodo a Parigi. Per esempio, fu veloce a rifiutare una richiesta di dipingere angeli per una chiesa - facendo notare:"Mostrami un angelo e ne dipingerò uno".

Invece dipinse gente comune in tutta la loro gloriosa normalità, e non fu una sorpresa quando, nel 1848, il crescente gruppo di influenti amici di Courbet lo nominò leader del movimento realista a Parigi.

Il poeta Charles Baudelaire e l'anarchico Pierre Proudhon facevano entrambi parte di questo gruppo di intellettuali che si spingevano a vicenda per sfidare le norme del tempo.

Per approfondire

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Realismo nell'arte: riassunto e caratteristiche
Prossimo articoloLibri su Mark Kostabi
Redazione TuttArteOnline
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here