Arte Romanica: cos'è, riassunto, caratteristiche

0
22

L'Arte Romanica è il primo grande movimento di arte medievale, e anche il primo stile internazionale fin dall'antichità.

Lo stile noto come "romanico" può essere utilizzato per coprire tutte le derivazioni dell'architettura romana in Occidente, dalla caduta di Roma (450 ca. d.C.) fino all'avvento dello stile gotico intorno al 1150.

Tradizionalmente, tuttavia, il termine si riferisce allo stile specifico dell'architettura, insieme alla scultura e ad altre arti minori che apparvero in Francia, Germania, Italia e Spagna nel corso del secolo XI.

Più ricco e grandioso di ogni altra testimonianza dell'epoca dell' arte paleocristiana , il romanico è caratterizzato da una massività di scala, che riflette la maggiore stabilità sociale del nuovo millennio, e la crescente fiducia della Chiesa cristiana a Roma, una Chiesa il cui espansionismo ha messo in moto le Crociate per liberare la Terra Santa dalla morsa dell'Islam.

Più tardi, il successo dei crociati e la loro acquisizione di reliquie sacre stimolò l'ulteriore costruzione di nuove chiese in tutta Europa nello stile pienamente romanico dell'architettura (architettura normanna in Gran Bretagna e Irlanda).

A sua volta questo programma di costruzione ha prodotto una grande domanda di arte religiosa decorativa, tra cui sculture, vetrate e opere metalliche ecclesiastiche di tutti i tipi. Nel XII secolo alcuni architetti e scultori erano diventati molto ricercati da mecenati ecclesiastici e anche laici.

Cos'è l'arte romanica

Il termine "romanico", che significa alla maniera dei romani, è stato coniato per la prima volta all'inizio del XIX secolo.

Oggi è utilizzato per riferirsi al periodo dell'arte europea dalla seconda metà dell'XI secolo per tutto il XII (ad eccezione della regione intorno a Parigi dove lo stile gotico emerse a metà del XII secolo).

In alcune regioni, come l'Italia centrale, il romanico continuò a sopravvivere fino al XIII secolo.

Il romanico è il primo stile internazionale dell'Europa occidentale dall'antichità, si estende attraverso il Mediterraneo e a nord fino alla Scandinavia.

La trasmissione delle idee è stata facilitata dall'aumento dei viaggi lungo le vie di pellegrinaggio verso santuari come Santiago de Compostela in Spagna (un pellegrinaggio è un viaggio verso un luogo sacro) o come conseguenza delle crociate che passavano attraverso i territori dell'impero bizantino.

Esistono tuttavia varianti regionali distinte: l'arte romanica toscana (in Italia), ad esempio, è molto diversa da quella prodotta nell'Europa settentrionale.

Pittura, scultura a architettura romanica

Il rapporto dell'arte con l'architettura, in particolare con l'architettura ecclesiastica, è fondamentale in questo periodo.

Ad esempio, i dipinti murali possono seguire la curvatura dell'abside di una chiesa come nel muro absidale dipinto dalla chiesa di San Clemente a Taüll, e la forma d'arte più importante che emerge in questo periodo è stata la scultura architettonica, con la scultura utilizzata per decorare chiese costruite in pietra.

Maestro di Taüll arte romanica
Maestro di Taüll, pittura abside, Sant Climent a Taüll, c. 1123 (Museu Nacional d'Art de Catalunya - MNAC, Barcellona).

Molti scultori potrebbero aver iniziato la loro carriera come muratori di pietra, e c'è una notevole coerenza tra architettura e scultura nelle chiese in questo periodo.

Le due forme scultoree più importanti che emergono in questo momento sono il timpano (lo spazio a forma di lunetta sopra l'ingresso di una chiesa) e il capitello storico (una capitale che incorpora un elemento narrativo di solito un episodio della Bibbia o la vita di un santo).

Uno dei timpani più famosi si trova all'ingresso ovest della cattedrale di Autun (in basso), che rappresenta, in modo appropriato per questa parte della chiesa, il Giudizio Universale.

Un'iscrizione (Gislebertus hoc fecit" "Gislebertus made me"), alla base della gigantesca figura immobile di Cristo al centro, riporta il nome dell'artista o del capo della bottega che lo ha prodotto, anche se si è suggerito di far riferimento al patrono originario che ha avuto il compito di portare le reliquie di Lazzaro ad Autun in epoca carolingia.

L'influenza della Roma antica

Un'influenza sul romanico è, come suggerisce il nome, l'arte antica romana, in particolare la scultura, che sopravvisse in grande quantità soprattutto nel sud dell'Europa.

Questo si può vedere, ad esempio, in un rilievo di marmo che rappresenta la chiamata di San Pietro e Sant'Andrea dal fregio anteriore della chiesa abbaziale di Sant Pere de Rodes sulla costa catalana.

Sant Pere de Rodes arte romanica
Chiamata di San Pietro e Sant'Andrea, 1160 ca, monastero di Sant Pere de Rodes, Spagna

L'impronta dell'antico è evidente nella profonda sottocopertura delle pieghe dei panneggi, effetto ottenuto dall'apparato romano del trapano, e nella personalizzazione delle facce.

L'influenza classica era anche spesso mediata da un'arte intermediaria, soprattutto bizantina (soprattutto tessile e pittorica), ma anche da stili medievali precedenti che avevano assorbito elementi della tradizione classica come l'arte ottoniana.

Le illustrazioni della Bibbia di Bury sono state, per esempio, convincentemente paragonate a dipinti murali bizantini in una chiesa dell'Asinou a Cipro, il che suggerisce che il suo artista - un certo Maestro Hugo (che ha il nome dell'artista è insolito in questo periodo) li aveva visti o una fonte simile.

Monasteri come quello di Bury St. Edmunds in East Anglia in Inghilterra (dove la Bibbia di Bury è stata fatta) sono stati importanti centri di produzione, soprattutto per la scrittura e la decorazione di manoscritti. La Bibbia della sepoltura è un buon esempio delle notevoli realizzazioni della sceneggiatura monastica nel periodo romanico.

I monasteri non erano gli unici centri di produzione. L'arte romanica è anche associata alle città che, per la prima volta dalla caduta dell'impero romano, furono ravvivate e ampliate in questo periodo, conseguenza dell'ampia espansione economica (ad esempio Assisi in Umbria con il suo Duomo romanico o la neonata città di Puente La Reina, nel nord della Spagna, sulla via di pellegrinaggio a Santiago di Compostela).

L'arte romanica è per la maggior parte religiosa nelle sue immagini, ma questo è in parte una questione di ciò che è sopravvissuto, e ci sono esempi di arte secolare del periodo.

Insolito è uno scrigno al British Museum, un prodotto di artigianato Limoges, che è realizzato in legno con smalti champlevé attaccato ad esso (prodotto riscaldando in polvere di vetro incastonato in boschetti scavati in piastra di bronzo).

scrigno romanico

Questo è decorato con scene che hanno a che fare con l'amore cortese ispirato da poeti trovatori dalla Provenza.

Opere romaniche in metallo

La distinzione tra belle arti e arti decorative è una distinzione che emerge solo nel Rinascimento e non si applica a questo periodo precedente.

Le opere d'arte più apprezzate in epoca romanica erano, semmai, quelle in metallo prezioso, spesso prodotte per ospitare reliquie (caratteristica la parte del corpo di un santo o, nel caso di Cristo che crede asceso a oggetti celesti a lui associati, come frammenti della cosiddetta vera croce su cui si pensava fosse stato crocifisso).

Un esempio di questo è il reliquiario conosciuto come il trittico di Stavelot. Si tratta di un pannello centrale affiancato da ali laterali che possono essere chiuse, un formato di disegno derivato dall'arte bizantina, ma realizzato presso il monastero benedettino di Stavelot nella regione di Mosan, attualmente in Belgio a metà del XII secolo.

Trittico di Stavelot romanico
Trittico di Stavelot, ca. 1156-8, oro e smalto, 48 x 66 cm aperto (Biblioteca e Museo Morgan)

Il trittico fu commissionato dall'abate, un uomo chiamato Wibald, che sappiamo aver viaggiato molto e che acquistò, durante un viaggio a Costantinopoli, le due lamine di smalto bizantine incorporate al centro del trittico che contengono quelli che si credevano frammenti della vera croce.

Un dipinto murale di San Clemente in Catalogna

Il dipinto murale absidale della chiesa di San Clemente è un buon esempio di stile romanico. La chiesa è situata in una valle remota della Catalogna settentrionale (oggi Spagna nord-orientale) ed è tipica delle belle chiese costruite in pietra che sorsero in questa regione nel periodo romanico.

un dipinto romanico

Il dipinto sarebbe stato dipinto su intonaco fresco applicato alle pareti della chiesa (è stato trasferito per la custodia al Museo d'Arte Catalana di Barcellona all'inizio del XX secolo).

Il dipinto è dominato dalla gigantesca figura di Cristo in una mandorla (un'aureola intorno al corpo di una persona sacra), rappresentata come apparirà alla fine dei tempi come descritto nel Libro dell'Apocalisse.

Cristo è rappresentato in modo caratteristico fuori scala rispetto alle altre figure per indicare il suo stato. La sua testa è distorta, allungata e altamente geometrica, e ha occhi ipnotici penetranti.

Ad entrambi i lati di lui sono scritte le lettere greche "alfa" e "omega" (l'inizio e la fine), e con una mano egli compie gesti di benedizione, mentre l'altra tiene un libro aperto con le parole Ego sum lux mundi (Io sono la luce del mondo) inscritte su di esso.

Sotto è una figura altrettanto allungata e distorta della Vergine Maria che tiene in mano un calice con il sangue di Cristo, una rappresentazione del Santo Graal che precede la prima descrizione scritta del soggetto.

La sua presenza nello schema è sintomatica del crescente culto della Vergine Maria in questo periodo. Sarebbe un errore considerare la mancanza di naturalismo di questo dipinto come un'indicazione di mancanza di competenza artistica come lo sarebbe in un'opera di Picasso.

Piuttosto indica che il suo artista (di cui non conosciamo il vero nome) non è interessato a replicare apparenze esterne, ma piuttosto a trasmettere un senso del sacro e a comunicare gli insegnamenti religiosi della chiesa.

Picasso (cresciuto a Barcellona) ammirava molto il romanico catalano, ed è significativo che più tardi nella sua vita abbia conservato un manifesto di questo dipinto nel suo studio nel sud della Francia.

Viviamo in un mondo saturo di immagini, ma in epoca romanica raramente le si incontrava e un'immagine come questa avrebbe lasciato un'immensa impressione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here