Marc Chagall: biografia, opere e stile

0
15
Marc Chagall

Marc Chagall (1887–1985) è stato un pittore bielorusso naturalizzato francese, di origine ebraica, il cui lavoro si basa soprattutto sull’associazione emotiva piuttosto che sui fondamenti pittorici tradizionali.

È stato il pittore più importante che la Bielorussia abbia mai avuto, e uno degli artisti più influenti ed apprezzati del Novecento.

Riassunto

Marc Chagall è nato in Bielorussia nel 1887 e ha sviluppato un precoce interesse per l’arte. Dopo aver studiato pittura, nel 1907 lascia la Russia per Parigi, dove vive in una colonia di artisti alla periferia della città.

Unendo il suo immaginario personale e onirico con le suggestioni del fauvismo e del cubismo popolare in Francia all’epoca, Chagall crea la sua opera più duratura – tra cui I e il Villaggio (1911) – alcune delle quali saranno esposte al Salon des Indépendants.

Dopo il ritorno a Vitebsk per una visita nel 1914, lo scoppio della prima guerra mondiale intrappolò Chagall in Russia. Tornò in Francia nel 1923, ma fu costretto a fuggire dal paese e dalle persecuzioni naziste durante la seconda guerra mondiale.

Trovando asilo negli Stati Uniti, Chagall si occupò di scenografie e costumi prima di tornare in Francia nel 1948. Negli anni successivi, sperimenta nuove forme d’arte e viene incaricato di produrre numerose opere di grandi dimensioni. Chagall morì a Saint-Paul-de-Vence nel 1985.

Primi anni

Marc Chagall è nato in una piccola comunità hassidica alla periferia di Vitebsk, Bielorussia, il 7 luglio 1887. Suo padre era un pescivendolo e sua madre gestiva un piccolo negozio di lavanderie nel villaggio.

Da bambino, Chagall ha frequentato la scuola elementare ebraica, dove ha studiato ebraico e la Bibbia, prima di frequentare la scuola pubblica russa. Iniziò ad apprendere i fondamenti del disegno in questo periodo, ma forse ancora più importante, assorbì il mondo che lo circondava, conservando le immagini e i temi che sarebbero stati presenti in gran parte del suo lavoro successivo.

All’età di 19 anni Chagall si iscrive a una scuola d’arte privata, tutta ebraica e inizia la sua formazione formale in pittura, studiando brevemente con il ritrattista Yehuda Pen. Tuttavia, dopo alcuni mesi lasciò la scuola, trasferendosi a San Pietroburgo nel 1907 per studiare alla Imperial Society for the Protection of Fine Arts.

L’anno seguente, si iscrive alla scuola Svanseva, studiando con lo scenografo Léon Bakst, le cui opere sono presenti nei Ballets Russes di Sergei Diaghilev. Questa prima esperienza si rivelerà importante anche per la successiva carriera di Chagall.

Nonostante questa istruzione formale e la diffusa popolarità del realismo in Russia all’epoca, Chagall stava già stabilendo il suo stile personale, che presentava un’irrealtà più onirica e le persone, i luoghi e le immagini che gli stavano a cuore. Alcuni esempi di questo periodo sono il suo Window Vitebsk (1908) e My Fianceé with Black Gloves (1909), che raffigura Bella Rosenfeld, con la quale si è recentemente fidanzato.

My Fianceé with Black Gloves (1909)
Marc Chagall, My Fianceé with Black Gloves (1909)

Trasferimento in Francia

Nonostante la sua storia d’amore con Bella, nel 1911 un assegno del deputato russo e mecenate Maxim Binaver permise a Chagall di trasferirsi a Parigi, in Francia.

Dopo essersi stabilito brevemente nel quartiere di Montparnasse, Chagall si trasferì più lontano in una colonia di artisti conosciuta come La Ruche (“L’alveare”), dove iniziò a lavorare fianco a fianco con pittori come Amedeo Modigliani e Fernand Léger e il poeta d’avanguardia Guillaume Apollinaire.

Sotto la loro spinta, e sotto l’influenza del fauvismo e del cubismo sfrenatamente popolare, Chagall alleggerì la sua tavolozza e spinse il suo stile sempre più lontano dalla realtà. Io e il villaggio (1911) e Omaggio ad Apollinaire (1912) sono tra le sue prime opere parigine, ampiamente considerate il suo periodo di maggior successo e più rappresentativo.

Anche se la sua opera si distingue stilisticamente dai suoi contemporanei cubisti, dal 1912 al 1914 Chagall espone numerosi dipinti alla mostra annuale Salon des Indépendants, dove opere di artisti del calibro di Juan Gris, Marcel Duchamp e Robert Delaunay fanno scalpore nel mondo dell’arte parigina.

La popolarità di Chagall inizia a diffondersi oltre La Ruche, e nel maggio 1914 Chagall si reca a Berlino per contribuire all’organizzazione della sua prima mostra personale, alla Galleria Der Sturm. Chagall rimase in città fino all’apertura dell’acclamata mostra in giugno. Tornò poi a Vitebsk, inconsapevole dei fatidici eventi a venire.

Guerra, pace e rivoluzione

Nell’agosto 1914 lo scoppio della Prima Guerra Mondiale preclude il ritorno di Chagall a Parigi. Il conflitto, tuttavia, non frena il flusso della sua produzione creativa, ma si limita a dargli accesso diretto alle scene dell’infanzia così essenziali per la sua opera, come nei dipinti come Ebreo in verde (1914) e Oltre Vitebsk (1914).

I suoi dipinti di questo periodo presentano anche immagini dell’impatto della guerra sulla regione, come nel caso del Soldato ferito (1914) e di Marching (1915). Ma nonostante le difficoltà della vita in tempo di guerra, questo si rivelerà anche un periodo gioioso per Chagall.

Nel luglio 1915 si sposò con Bella, che l’anno seguente diede alla luce una figlia, Ida. La loro apparizione in opere come Birthday (1915), Bella e Ida by the Window (1917) e molti dei suoi quadri “Lovers” danno uno scorcio dell’isola di felicità domestica che era di Chagall in mezzo al caos.

Per evitare il servizio militare e rimanere con la sua nuova famiglia, Chagall assunse una posizione come impiegato presso il Ministero dell’Economia di guerra a San Pietroburgo.

Mentre era lì iniziò a lavorare alla sua autobiografia e si immerse anche nella scena artistica locale, facendo amicizia con il romanziere Boris Pasternak, tra gli altri. Espone le sue opere anche in città e ottiene ben presto un notevole riconoscimento.

Questa notorietà si rivelerà importante all’indomani della Rivoluzione Russa del 1917, quando sarà nominato Commissario delle Belle Arti a Vitebsk. Nel suo nuovo incarico, Chagall intraprese diversi progetti nella regione, tra cui la fondazione nel 1919 dell’Accademia delle Arti.

Nonostante questi sforzi, le differenze tra i suoi colleghi finirono per deludere Chagall. Nel 1920 abbandonò la sua posizione e trasferì la sua famiglia a Mosca, la capitale della Russia post-rivoluzionaria.

A Mosca, Chagall fu presto incaricato di creare scenografie e costumi per varie produzioni al Teatro Yiddish di Stato di Mosca, dove avrebbe dipinto anche una serie di murales intitolati Introduzione al Teatro Ebraico.

Nel 1921, Chagall trova lavoro anche come insegnante in una scuola per orfani di guerra. Nel 1922, tuttavia, Chagall scoprì che la sua arte era caduta in disgrazia e, alla ricerca di nuovi orizzonti, lasciò definitivamente la Russia.

Il successo e la minaccia nazista

Dopo un breve soggiorno a Berlino, dove cerca senza successo di recuperare le opere esposte a Der Sturm prima della guerra, Chagall trasferisce la sua famiglia a Parigi nel settembre 1923.

Poco dopo il loro arrivo, viene incaricato dal gallerista ed editore Ambroise Vollard di produrre una serie di acqueforti per una nuova edizione del romanzo di Nikolai Gogol del 1842, Dead Souls.

Due anni dopo Chagall iniziò a lavorare a un’edizione illustrata delle Favole di Jean de la Fontaine e nel 1930 realizzò incisioni per un’edizione illustrata dell’Antico Testamento, per la quale si recò in Palestina per condurre ricerche.

Il lavoro di Chagall in questo periodo gli procurò un nuovo successo come artista e gli permise di viaggiare in tutta Europa negli anni Trenta. Pubblica anche la sua autobiografia, My Life (1931) e nel 1933 riceve una retrospettiva alla Kunsthalle di Basilea, in Svizzera.

Ma nello stesso periodo in cui la popolarità di Chagall si diffondeva, così come la minaccia del fascismo e del nazismo. Individuato durante la “pulizia” culturale intrapresa dai nazisti in Germania, l’opera di Chagall fu allontanata dai musei di tutto il paese.

Diversi pezzi furono successivamente bruciati, e altri furono esposti in una mostra di “arte degenerata” tenutasi a Monaco di Baviera nel 1937.

L’angoscia di Chagall per questi eventi preoccupanti e per la persecuzione degli ebrei in generale si può vedere nel suo dipinto del 1938 Crocifissione bianca.

Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, Chagall e la sua famiglia si trasferirono nella regione della Loira prima di spostarsi più a sud a Marsiglia in seguito all’invasione della Francia.

Trovarono un rifugio più sicuro quando, nel 1941, il nome di Chagall fu aggiunto dal direttore del Museum of Modern Art (MOMA) di New York City ad una lista di artisti e intellettuali ritenuti più a rischio dalla campagna antiebraica dei nazisti.

Chagall e la sua famiglia saranno tra gli oltre 2.000 che riceveranno i visti e scapperanno in questo modo.

L’esilio in USA

Arrivato a New York City nel giugno 1941, Chagall scoprì di essere già un artista noto anche oltre oceano. Così, nonostante una barriera linguistica, entrò presto a far parte della comunità di artisti europei in esilio.

L’anno successivo gli fu commissionato dal coreografo Léonide Massine per disegnare scenografie e costumi per il balletto Aleko, basato su “Gli zingari” di Alexander Pushkin e musicato da Pyotr Ilyich Tchaikovsky.

Ma anche quando si stabilisce nella sicurezza della sua casa temporanea, il pensiero di Chagall è spesso consumato dal destino che si abbatte sugli ebrei d’Europa e dalla distruzione della Russia, come indicano quadri come

La crocifissione gialla (1943) e Il giocoliere (1943). Un colpo più personale colpì Chagall nel settembre 1944, quando la sua amata Bella morì di un’infezione virale, lasciando l’artista incapace di dolore.

La sua tristezza per la perdita della moglie tormenterà Chagall per anni a venire, come rappresentato in modo più toccante nei suoi dipinti del 1945 Intorno a lei e Le candele da sposa.

Lavorando sul suo dolore, nel 1945 Chagall iniziò la scenografia e i costumi per una produzione del balletto di Igor Stravinsky The Firebird, che debuttò nel 1949, durò fino al 1965 e da allora è stato messo in scena più volte.

Fu anche coinvolto in una relazione con una giovane artista inglese di nome Virginia McNeil, che nel 1946 ha dato alla luce il figlio David. In questo periodo Chagall è stata anche oggetto di mostre retrospettive al MOMA e all’Art Institute of Chicago.

Il ritorno in Francia

Dopo sette anni di esilio, nel 1948 Chagall tornò in Francia con Virginia e David e la figlia di Virginia, Jean, da un precedente matrimonio. Il loro arrivo coincide con la pubblicazione dell’edizione illustrata di Chagall di Dead Souls, interrotta dall’inizio della guerra.

L’edizione di Favole con la sua opera fu pubblicata nel 1952, e dopo che Chagall completò le incisioni che aveva iniziato nel 1930, la sua Bibbia illustrata fu pubblicata nel 1956.

Nel 1950, Chagall e la sua famiglia si trasferiscono a sud a Saint-Paul-de-Vence, sulla Costa Azzurra. Virginia lo lascia l’anno successivo, ma nel 1952 Chagall incontra Valentina “Vava” Brodsky e la sposa poco dopo. Valentina, che divenne il manager senza senso di Chagall, è presente in alcuni dei suoi ritratti più tardi.

Trasferitosi nella vita come pittore affermato, Chagall iniziò ad espandersi, lavorando nella scultura e nella ceramica, oltre a padroneggiare l’arte delle vetrate. Gran parte del suo importante lavoro successivo esiste sotto forma di grandi commissioni in tutto il mondo.

Tra i punti salienti di questo periodo sono:

  • le vetrate per la sinagoga presso il Hadassah Hebrew University Medical Center di Gerusalemme (completate nel 1961)
  • la vetrata per la Cattedrale di Saint-Étienne a Metz (completata nel 1968)
  • la vetrata per l’ONU di New York City (completata nel 1964)
  • la vetrata per la chiesa di All Saint’s Church a Mainz, in Germania (completata nel 1978)
  • il soffitto dell’Opéra di Parigi (completato nel 1964)
  • i murales per il Metropolitan Opera di New York (completati nel 1964), per il quale ha anche disegnato le scene e i costumi per una produzione del 1967 di The Magic Flute di Wolfgang Amadeus Mozart.
Le 12 Chagall Windows, The Hadassah Ein Kerem, Gerusalemme

Nel 1977 Chagall riceve la Grande Medaglia della Legione d’Onore, il più alto riconoscimento francese. Nello stesso anno, Chagall diventa uno dei pochi artisti della storia a ricevere una mostra retrospettiva al Louvre.

Muore il 28 marzo 1985, a Saint-Paul-de-Vence all’età di 97 anni, lasciando una vasta collezione di opere e una ricca eredità come artista ebreo iconico e pioniere del modernismo.

Opere principali

Porrebbe interessarti anche:
CONDIVIDI
Articolo precedenteLeonardo da Vinci: biografia, riassunto, opere e invenzioni
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here