Arte greca: riassunto e guida completa

0
622
Partenone, arte greca V secolo a.C.
La facciata del Partenone, tipico esempio di arte greca del V secolo a.C.

Una lingua, una religione e una cultura comune. L’antica Grecia può suonare come stranamente familiare. Dalle gesta di Achille (un eroe dell’antico poema epico di Omero, L’Illiade), sulla guerra di Troia e Ulisse (l’eroe dell’Odissea di Omero), ai trattati di Aristotele, dalle rigorose misure del Partenone (foto sopra) al caos ritmico del Laocoonte (foto sotto), la cultura greca antica ha plasmato il nostro mondo.

Grazie soprattutto ai notevoli siti archeologici, alle note fonti letterarie e all’impatto di Hollywood (Scontro fra titani, per esempio), questa civiltà è integrata nella nostra coscienza collettiva – visioni di battaglie epiche, filosofi eruditi, templi bianchi scintillanti e nudi senza arti (ora conosciamo le sculture – anche quelle che decoravano i templi come il Partenone – sono state dipinte in modo brillante, e, naturalmente, il fatto che le figure spesso mancano di arti è il risultato delle devastazioni del tempo).

Dispersi nel Mediterraneo e divisi in unità autonome chiamate polis o città-stato, gli antichi greci erano uniti da una lingua, una religione e una cultura comuni.

A rafforzare ulteriormente questi legami erano i cosiddetti santuari e festival “panellenici” che abbracciavano “tutti i greci” e incoraggiavano l’interazione, la competizione e lo scambio (per esempio le Olimpiadi, che si tenevano nel santuario panellenico di Olimpia).

Anche se la comprensione moderna e popolare del mondo greco antico si basa sull’arte classica di Atene del V secolo a.C.E., è importante riconoscere che la civiltà greca era vasta e non si è sviluppata in un giorno.

Laocoonte e i suoi due figli lottano coi serpenti
Laocoonte e i suoi due figli lottano coi serpenti, scultura greca della scuola di Rodi (I secolo), Museo Pio-Clementino, musei Vaticani

Il Medioevo ellenico dell’arte greca (ca. 1100 – ca. 800 a.C.E.) fino al periodo orientalizzante (ca. 700 – 600 a.C.E.).

In seguito al crollo delle cittadelle micenee della tarda età del bronzo, si pensava che la Grecia continentale entrasse tradizionalmente in una “Età oscura” che durava dal 1100 circa fino all’800 a.C. Non solo il complesso sistema socio-culturale dei micenei scomparve, ma anche le sue numerose conquiste (es. lavorazione dei metalli, costruzioni su larga scala, scrittura).

La scoperta e il continuo scavo di un sito noto come Lefkandi, tuttavia, altera drasticamente questa impressione. Situata a nord di Atene, Lefkandi ha prodotto un’immensa struttura absidale (lunga quasi cinquanta metri), una massiccia rete di tombe e due eroiche sepolture piene di oggetti d’oro e preziosi sacrifici di cavalli.

Uno dei manufatti più interessanti, ritualmente sepolti in due tombe separate, è una statuetta di centauro (vedi foto sotto). A quattordici pollici di altezza, la creatura in terracotta è composta da un busto equino (cavallo) realizzato su un tornio da vasaio e da arti umani formati a mano. Alludendo alla mitologia e forse a una storia particolare, questo centauro incarna la ricchezza culturale di questo periodo.

Centauro, c. 900 a.C.E.
Centauro, c. 900 a.C.E. (periodo protogeometrico), terracotta, la testa è stata trovata nella tomba 1 e il corpo è stato trovato nella tomba 3 nel cimitero di Toumba, Lefkandi, Grecia

Simile nell’adozione di elementi narrativi è un vaso-pittura probabilmente di Tebe risalente al 730 a.C.E. circa (vedi immagine sotto). Completamente rinchiuso nel periodo geometrico (ca. 800-700 a.C.E.), l’immagine del vaso riflette altri manufatti dell’ottavo secolo, come l’Anfora Dipylon, con il suo disegno geometrico e le forme umane sagomate.

Anche se semplicistica, la scena generale di questo vaso sembra registrare una storia. Un uomo e una donna stanno in piedi accanto a una nave dotata di livelli di vogatori. Afferrando la poppa e sollevando una gamba nello scafo, l’uomo si volta verso la femmina e la prende per il polso.

La coppia Teseo e Arianna (nella mitologia greca, l’eroe Teseo ha ucciso il Minotauro – una creatura con la testa di un toro e il corpo di un uomo – con l’aiuto di Arianna, poi ha navigato con lei fino all’isola di Nasso)?

Si tratta di un rapimento? Forse Parigi ed Elena (Parigi era il figlio del re di Troia – ha rapito Elena, moglie del re Menelao, scatenando la guerra di Troia)?

Oppure, l’uomo si congeda dalla donna e intraprende un viaggio come Odisseo e Penelope (Ulisse lasciò sua moglie Penelope per vent’anni per combattere nella guerra di Troia)? La risposta è impossibile da dare.

Recipiente per la miscelazione di acqua e vino
Recipiente per la miscelazione di acqua e vino, forse di Tebe, 730 a.C.E. circa, alto 30,5 cm (The British Museum, Londra)

Nel periodo orientalizzante (700-600 a.C.E.), accanto ai motivi del Vicino Oriente e alle processioni di animali, gli artigiani producono forme figurative più sfumate e illustrazioni intelligibili.

Ad esempio, le targhe in terracotta dipinte dal Tempio di Apollo a Thermon (625 a.C.E. circa) sono tra le prime testimonianze di decorazione architettonica nell’età del ferro in Grecia.

Una volta decorata la superficie di questo tempio dorico (molto probabilmente come metope), i pannelli esistenti hanno conservato varie immagini (guarda questo video per conoscere l’ordine dorico).

Su una targa (vedi immagine sotto), un giovane maschio avanza verso destra e porta un attributo significativo sotto il braccio destro: la testa mozzata della Gorgone Medusa (il suo volto è visibile tra la mano destra e il fianco destro della figura a strisce, nella mitologia greca una Gorgone è una mostruosa creatura femminile il cui aspetto trasformerebbe in pietra chiunque vi abbia posato gli occhi su di essa).

Non solo il pittore riesce a raccontare una storia particolare, ma anche la figura di Perseo mostra grandi progressi rispetto al secolo precedente. Le membra sono carnose, i lineamenti del viso sono riconoscibili, e il cappello e gli stivali alato equipaggiano adeguatamente l’eroe per i viaggi veloci.

Frammento raffigurante Perseo con la testa di Medusa
Frammento raffigurante Perseo con la testa di Medusa probabilmente da una metopa del Tempio di Apollo a Thermon, c. 630 a.C.E., terracotta dipinta, alta 87,8 cm (Museo Archeologico Nazionale, Atene).

L’arte greca arcaica (ca. 600-480/479 a.C.E.)

Mentre gli artigiani greci continuavano a sviluppare i loro singoli mestieri, la capacità di raccontare storie e rappresentazioni più realistiche di figure umane durante il periodo arcaico, la città di Atene fu testimone dell’ascesa e della caduta dei tiranni e dell’introduzione della democrazia da parte dello statista Kleisthenes negli anni 508 e 507 a.C.E.

Visivamente, il periodo arcaico è noto per le grandi sculture in marmo kouros (giovani uomini) e kore (giovani donne) (vedi sotto). Mostrando l’influenza dell’antica scultura egiziana, il kouros si erge rigido con entrambe le braccia distese lateralmente e una gamba avanzata.

Spesso utilizzati come pennarelli funerari, questi tipi scultorei mostravano nudità disinvolta, mettendo in evidenza le loro complesse acconciature e la loro muscolatura astratta (in basso a sinistra).

La kore, invece, non era mai nuda. Non solo la sua forma era drappeggiata in strati di tessuto, ma anche ornata di gioielli e ornata da una corona.

Anche se alcuni sono stati scoperti in contesti funerari, come Phrasiklea (in basso a destra), una grande maggioranza sono stati trovati sull’Acropoli di Atene (di più sull’Acropolis korai).

Seppelliti ritualmente dopo la profanazione di questo santuario da parte dei persiani nel 480 e 479 a.C.E., decine di korai sono stati ritrovati insieme ad altri manufatti dedicatori.

Mentre le identità di queste figure sono state oggetto di accesi dibattiti negli ultimi tempi, la maggior parte di esse concordano sul fatto che erano originariamente intese come offerte votive alla dea Atena.

A sinistra: Anavysos (Kroisos) Kouros, 530 ca. a.C.E., marmo, 6′ 4″ (Museo Archeologico Nazionale, Atene), foto: Steven Zucker A destra: Aristion of Paros, Phrasikleia Kore, c. 550 - 540 a.C.E. Marmo pario con tracce di pigmento, alto 211 cm (Museo Archeologico Nazionale, Atene).
A sinistra: Anavysos (Kroisos) Kouros, 530 ca. a.C.E., marmo, 6′ 4″ (Museo Archeologico Nazionale, Atene), foto: Steven Zucker A destra: Aristion of Paros, Phrasikleia Kore, c. 550 – 540 a.C.E. Marmo pario con tracce di pigmento, alto 211 cm (Museo Archeologico Nazionale, Atene).

L’arte greca classica (480/479-323 a.C.E.)

Sebbene la sperimentazione del movimento realistico iniziò prima della fine del Periodo Arcaico, fu solo nel Periodo Classico che le forme bidimensionali e tridimensionali raggiunsero proporzioni e posture naturalistiche.

Il “Periodo Classico Antico” (480/479 – 450 a.C.E.) fu un periodo di transizione in cui alcune opere scultoree presentavano rover arcaizzanti accanto al cosiddetto “Stile severo”. Come si può vedere nel Kritios Boy, intorno al 480 a.C.E., il “Severe Style” presenta un’anatomia realistica, espressioni serie, labbra imbronciate e palpebre spesse.

Per i pittori, lo sviluppo della prospettiva e delle molteplici linee di fondo ha arricchito le composizioni, come si può vedere nel vaso del Niobid Painter al Louvre (immagine sotto).

Pittore dei Niobidi, Museo del Louvre, Parigi
Pittore dei Niobidi, Museo del Louvre, Parigi

Durante il “Periodo Classico” (450-400 a.C.E.), ci fu un grande successo artistico: dalle innovative strutture sull’Acropoli alle manifestazioni visive e cerebrali di idealizzazione di Polykleitos nella sua scultura di un giovane che regge una lancia, il Doryphoros o “Canon” (immagine sotto).

Contemporaneamente, però, Atene, Sparta e i loro reciproci alleati furono coinvolti nella guerra del Peloponneso, un conflitto aspro che durò per diversi decenni e terminò nel 404 a.C.E.

Nonostante la continua attività militare durante il “Periodo Tardo Classico” (400-323 a.C.E.), la produzione e lo sviluppo artistico continuò a ritmo sostenuto. Oltre ad una nuova estetica figurale del IV secolo, nota per i torsi e gli arti più lunghi e le teste più piccole (per esempio, l’Apoxyomenos), fu prodotto il primo nudo femminile.

Conosciuta come Afrodite di Knidos, intorno al 350 a.C.E., la scultura ruota su spalle e fianchi in una curva a S e si erge con la mano destra sui genitali in posa pudica (vedi una copia romana nel Museo Capitolino di Roma). Esposta in un tempio circolare e visibile da tutti i lati, l’Afrodite di Knidos divenne una delle sculture più celebri di tutta l’antichità.

Policleto, Doryphoros o Il Canone
Policleto, Doryphoros o Il Canone, c. 450-40 a.C.E., antica copia romana in marmo ritrovata a Pompei dell’originale in bronzo perduto, 211 cm (Museo Archeologico Nazionale di Napoli).

Il periodo ellenistico e oltre (323 a.C.E. – 31 a.C.E.)

Dopo la morte di Alessandro Magno nel 323 a.C.E. (una delle conquiste più riuscite della storia – il suo impero si estendeva dalla Grecia e dall’Egitto alla valle dell’Indo e all’Afghanistan), i Greci e la loro influenza si estendeva fino all’India moderna.

Mentre alcuni pezzi imitavano intenzionalmente lo stile classico del periodo precedente, come Tyche of Antioche (Louvre) di Eutychides, altri artisti erano più interessati a catturare il movimento e l’emozione.

Ad esempio, sull’Altare maggiore di Zeus di Pergamo (sotto) espressioni di agonia e una massa confusa di membra trasmettono un nuovo interesse per il dramma.

Athena sconfigge Alkyoneus (dettaglio)
Athena sconfigge Alkyoneus (dettaglio), L’altare di Pergamo, 200-150 a.C.E. circa (periodo ellenistico), 35,64 x 33,4 metri, marmo (Museo Pergamo, Berlino).

Dal punto di vista architettonico, la scala delle strutture è notevolmente aumentata, come si può vedere con il Tempio di Apollo a Didyma, e alcuni complessi hanno anche terrazzato il paesaggio circostante per creare viste spettacolari come può sembrare al Santuario di Asklepios a Kos.

Dopo la sconfitta di Cleopatra nella battaglia di Attium nel 31 a.C.E., la dinastia tolemaica che governò l’Egitto e, contemporaneamente, si concluse il periodo ellenistico.

Con l’ammirazione e la predilezione romana per l’arte e la cultura greca, tuttavia, l’estetica e gli insegnamenti classici continuarono a durare dall’antichità all’era moderna.

Porrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here