L’Impressionismo e gli impressionisti

0
2

L’Impressionismo (Impressionnisme in francese) è un grande movimento, prima nella pittura e poi nella musica, che si è sviluppato soprattutto in Francia tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

La pittura impressionista comprende l’opera realizzata tra il 1867 e il 1886 circa da un gruppo di artisti che condividono un insieme di approcci e tecniche correlate.

La caratteristica più evidente dell’impressionismo in pittura è il tentativo di registrare con precisione e obiettività la realtà visiva in termini di effetti transitori di luce e colore. In musica, si trattava di trasmettere un’idea o un effetto attraverso una pulizia del suono piuttosto che una rigorosa struttura formale.

Concetti chiave dell’impressionismo

  • Gli impressionisti hanno allentato la loro pennellata e alleggerito le loro tavolozza per includere colori puri e intensi. Hanno abbandonato la prospettiva lineare tradizionale ed evitato la chiarezza della forma che in precedenza era servita a distinguere gli elementi più importanti di un quadro da quelli minori. Per questo motivo, molti critici hanno criticato i dipinti impressionisti per il loro aspetto incompiuto e la loro qualità apparentemente amatoriale.
  • Riprendendo le idee di Gustave Courbet, gli impressionisti mirano ad essere pittori del reale – mirano ad estendere i possibili soggetti dei dipinti. Allontanandosi dalle rappresentazioni di forme idealizzate e di perfetta simmetria, ma concentrandosi piuttosto sul mondo così come lo vedono, imperfetto in una miriade di modi.
  • All’epoca, c’erano molte idee su ciò che costituiva la modernità. Parte dell’idea impressionista era quella di catturare una frazione di secondo di vita, un momento effimero nel tempo sulla tela: l’impressione.
  • Il pensiero scientifico dell’epoca cominciava a riconoscere che ciò che l’occhio percepiva e ciò che il cervello capiva erano due cose diverse. Gli impressionisti cercarono di catturare il primo – gli effetti ottici della luce – per trasmettere lo scorrere del tempo, i cambiamenti del tempo e altri cambiamenti nell’atmosfera nelle loro tele. La loro arte non si basava necessariamente su rappresentazioni realistiche.
  • L’impressionismo registra gli effetti della massiccia ristrutturazione della metà del XIX secolo di Parigi guidata dal pianificatore civico Georges-Eugène Haussmann, che comprendeva le nuove stazioni ferroviarie della città, ampi viali alberati che sostituivano le strade strette e affollate di un tempo, e grandi edifici residenziali di lusso. Le opere che si concentrano su scene di pubblico svago – in particolare scene di caffè e cabaret – trasmettono il nuovo senso di alienazione vissuto dagli abitanti della prima metropoli moderna.

I pittori impressionisti

I principali pittori impressionisti furono Claude Monet, Pierre Auguste Renoir, Camille Pissarro, Alfred Sisley, Berthe Morisot, Armand Guillaumin e Frédéric Bazille, che lavorarono insieme, si influenzarono a vicenda e si esibirono anche insieme.

Anche Edgar Degas e Paul Cézanne dipingono in stile impressionista per un periodo dell’inizio degli anni settanta del XIX secolo. L’affermato pittore Édouard Manet, il cui lavoro negli anni sessanta del XIX secolo influenzò notevolmente Monet e altri membri del gruppo, adottò egli stesso l’approccio impressionista intorno al 1873.

All’inizio della loro carriera, questi artisti erano insoddisfatti dell’accento posto dall’insegnamento accademico sulla rappresentazione di una materia storica o mitologica con sfumature letterarie o aneddotiche.

Rifiutano anche i tradizionali trattamenti immaginativi o idealizzanti della pittura accademica. Alla fine degli anni sessanta del XIX secolo, l’arte di Manet rifletteva una nuova estetica – che doveva essere una forza trainante nell’opera impressionista – in cui l’importanza del soggetto tradizionale è stata declassata e l’attenzione è stata spostata sulla manipolazione dell’artista del colore, del tono e della struttura come fine a se stessi.

Nella pittura di Manet il soggetto è diventato un veicolo per la composizione abile di aree di colore piatto, e la profondità prospettica è stata minimizzata in modo che lo spettatore potesse guardare i modelli di superficie e le relazioni del quadro piuttosto che nello spazio tridimensionale illusorio che ha creato.

Nello stesso periodo, Monet è stato influenzato dagli innovativi pittori Eugène Boudin e Johan Barthold Jongkind, che raffigurano gli effetti fugaci del mare e del cielo attraverso metodi di applicazione della pittura molto colorati e con una grande varietà testuale.

Gli impressionisti adottano anche la pratica di Boudin di dipingere completamente all’aperto guardando la scena reale, invece di finire un quadro da schizzi in studio, come era prassi convenzionale.

Édouard Manet, Donna con il pappagallo (La Femme au perroquet), olio su tela (185,1×128,6 cm), realizzato nel 1866 e conservato al Metropolitan Museum of Art di New York.
Édouard Manet, Donna con il pappagallo (La Femme au perroquet), olio su tela (185,1×128,6 cm), realizzato nel 1866 e conservato al Metropolitan Museum of Art di New York.

Alla fine degli anni sessanta del XIX secolo, Monet, Pissarro, Renoir e altri iniziarono a dipingere paesaggi e scene fluviali in cui cercavano di registrare spassionatamente i colori e le forme degli oggetti così come apparivano alla luce naturale in un dato momento.

Questi artisti abbandonano la tradizionale tavolozza di paesaggi di verdi, marroni e grigi, e dipingono invece in una tonalità più chiara, più solare e brillante. Hanno iniziato dipingendo il gioco di luce sull’acqua e i colori riflessi delle sue increspature, cercando di riprodurre i molteplici e animati effetti della luce solare e delle ombre e della luce diretta e riflessa che osservano.

Nel tentativo di riprodurre le immediate impressioni visive registrate sulla retina, abbandonarono l’uso dei grigi e dei neri nell’ombra come colori complementari imprecisi e utilizzarono invece colori complementari.

Ma soprattutto, hanno imparato a costruire oggetti a partire da discrete macchie e macchie di puro colore armonizzante o contrastante, evocando così la brillantezza delle tinte spezzate e le variazioni di tonalità prodotte dalla luce solare e dai suoi riflessi.

Le forme nelle loro immagini hanno perso i loro contorni chiari e si sono smaterializzate, scintillanti e vibranti in una ricreazione delle reali condizioni esterne.

Infine, le composizioni formali tradizionali sono state abbandonate a favore di una disposizione più casuale e meno artificiosa degli oggetti all’interno della cornice del quadro. Gli impressionisti hanno esteso le loro nuove tecniche per rappresentare paesaggi, alberi, case, case, ma anche scene di strada urbana e stazioni ferroviarie.

Spiaggia a Sainte-Adresse, olio su tela (75,8xcm 102,5 cm), realizzato nel 1867 dal pittore francese Claude Monet.
Spiaggia a Sainte-Adresse, olio su tela (75,8xcm 102,5 cm), realizzato nel 1867 dal pittore francese Claude Monet.

Nel 1874 il gruppo tenne la sua prima mostra, indipendente dal Salone ufficiale dell’Accademia di Francia, che aveva sempre respinto la maggior parte delle loro opere.

Il quadro di Monet Impressione, levar del sole (1872) si guadagnò loro il nome inizialmente derisorio di “Impressionisti” dal giornalista Louis Leroy che scrisse sulla rivista satirica Le Charivari nel 1874.

Gli stessi artisti adottano ben presto il nome come descrittivo della loro intenzione di trasmettere con precisione le “impressioni” visive. Essi tengono sette spettacoli successivi, l’ultimo dei quali nel 1886. Durante questo periodo continuarono a sviluppare il proprio stile personale e individuale. Tutti, tuttavia, affermano nel loro lavoro i principi di libertà di tecnica, un approccio personale piuttosto che convenzionale alla materia e la riproduzione veritiera della natura.

Verso la metà degli anni ottanta del XIX secolo, il gruppo impressionista iniziò a dissolversi man mano che ogni pittore persegue sempre più i propri interessi e principi estetici.

Nella sua breve esistenza, tuttavia, aveva compiuto una rivoluzione nella storia dell’arte, fornendo un punto di partenza tecnico per gli artisti post-impressionisti Cézanne, Degas, Paul Gauguin, Vincent van Gogh, Georges Seurat e liberando tutta la successiva pittura occidentale dalle tecniche e dagli approcci tradizionali ai soggetti.

Impressionismo in musica

In musica, Claude Debussy è sempre stato considerato il principale impressionista. Anche se Debussy è stato influenzato dagli atteggiamenti estetici generali dei pittori impressionisti, non ha fatto alcun tentativo di comporre con tecniche musicali che erano strettamente analoghe alle tecniche di pittura.

Inoltre, le caratteristiche della musica di Debussy sono così variabili dalla prima all’ultima delle sue composizioni che anche un senso generale dell’impressionismo potrebbe essere limitato alla maggior parte della sua musica composta tra il 1892 e il 1903 circa e ad alcune composizioni specifiche successive che assomigliano fortemente a quelle opere in stile.

Alcune di queste opere impressioniste saranno l’opera Pelléas et Mélisande (eseguita per la prima volta nel 1902), il pezzo orchestrale “Nuages” (“Clouds”, da Nocturnes, completato nel 1899), e il pezzo per pianoforte “Voiles” (“Sails”, da Douze Préludes, libro I, 1910). Altri compositori considerati impressionistici sono Maurice Ravel, Frederick Delius, Ottorino Respighi, Karol Szymanowski, Charles Griffes.

L’impressionismo musicale è spesso pensato per riferirsi alla fragilità sottile, alla passività amorfa e alla musica d’atmosfera vaga. Una caratterizzazione più accurata della musica impressionista includerebbe la sobrietà e l’understatement, una qualità statica, e un effetto provocatoriamente colorato risultante dal fascino dei compositori per il suono puro come fine a se stesso bello e misterioso.

Tecnicamente, queste caratteristiche sono spesso il risultato di un uso statico dell’armonia, di tonalità ambigue, di una mancanza di contrasti formali netti e di spinta ritmica in avanti, e di una sfumatura della distinzione tra melodia e accompagnamento.

Sebbene l’impressionismo sia stato considerato un allontanamento dagli eccessi del romanticismo, le fonti di molte delle sue caratteristiche possono essere trovate nelle opere di compositori che sono anche considerati i precursori romantici dell’espressionismo, come Franz Liszt, Richard Wagner e Aleksandr Scriabin.

Porrebbe interessarti anche:
CONDIVIDI
Articolo precedenteEdvard Munch: biografia e opere
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here