Pablo Picasso: cubismo analitico e sintetico

0
275

IL CUBISMO ANALITICO

Un po’ come nell’apologo della lepre e della tartaruga, spesso i più grandi conservatori sopravanzano di gran lunga il proprio tempo. Così più del vivace Picasso fu il serio e metodico Braque a formulare la grammatica del cubismo, prima di venire in contatto con l’artista spagnolo.

Riflessivo e metodico, già nei suoi ultimi dipinti del periodo fauve Braque aveva sviluppato uno schema complessivo di utilizzazione del disegno e distribuzione del chiaroscuro che una volta risolto concettualmente nell’equivalente pittorico della geometria piana, sarebbe divenuto il fondamento del nuovo stile cubista.

picasso cubismo analiticoQuesto processo di astrazione fu portato avanti alla fine del 1907 quando Braque ultimò a Parigi i quadri iniziati l’estate prima all’Estaque. Braque ricordò più tardi: Avevo imparato a dipingere dal vero; per questo, quando giunsi alla conclusione che dovevo essere libero di lavorare senza modello, la cosa non mi fù facile.

Continuai tuttavia a lottare seguendo le mie intuizioni, e scoprii che a poco a poco mi ero distaccato sempre più dal motivo. In quei momenti bisogna seguire degli imperativi quasi inconsci; non c’è modo di sapere cosa accadrà in seguito. Il risultato furono una serie di opere tra cui Paysage avec des maisons, un’opera in cui il cezannismo è così semplificato da trasformarsi in proto-cubismo.

Cézanne rimane comunque la fonte di’ispirazione primaria. Braque è ormai giunto a padroneggiare con sicurezza i passages del maestro, ossia la tecnica di aprire o spezzare i contorni in modo da consentire a piani disposti suvari livelli di trapassare l’uno nell’altro, per ottenere mediante un processo di elisione, l’annullamento dell’effetto tridimensionale e la creazione di uno spazio compresso, da bassorilievo.

Grazie alla riduzione della tavolozza a una distribuzione uniforme di verde e ocra, così figura e sfondo, pieno e vuoto, non sembrano separati ma più o meno continui, lo spettatore sperimenta una curiosa sensazione di simultaneità caratteristica del Cubismo L’unità pittorica è rafforzata dall’assenza di porte e finestre a favore di una geometria più semplice, dall’utilizzazione del cielo e del fogliame, che ne fa delle estensioni delle forme architettoniche purificate.

In Maisons à l’Estaque del 1908 opera storica che diede origine al termine “cubismo”, Braque compì il primo passo verso il Cubismo maturo, scegliendo un motivo di colline che eliminava ogni traccia della linea dell’orizzonte. Ciò gli consentì di riempire l’intero campo visivo con un assortimento compatto, formato esclusivamente da case e da alberi, semplificati e uniformati come se una famiglia di forme elementari stesse alla base di ogni varietà fenomenica.

Tramite Daniel Kahnweiler, il mercante più interessato agli artisti cubisti, Braque conobbe Picasso, Apollinaire e gli altri membri della loro cerchia. Mentre Braque avrebbe sostenuto che il cubismo era “ la materializzazione di un nuovo spazio”, cioè dello “spazio visivo” che egli avvertiva come elemento di separazione “ degli oggetti tra di loro”, Picasso con la sua passione per la figura umana, avrebbe definito il Cubismo come “un arte che si occupa principalmente della forma”.

Picasso sempre veloce nell’afferrare le possibilità di ogni nuovo materiale, procedimento o idea, s’impadronì della lezione di Braque e la applicò in un’opera “africana” di grandi dimensioni, vigorosamente scultorea, dai colori sgargianti: Trois femmes ridipingendo la tela fino a trasformarne la carica espressionistica in qualcosa di altrettanto controllato, coerente e sottilmente modulato quando le contemporanee opere di Braque.

Nel Portrait de Ambroise Vollard, Picasso si tenne al passo con Braque e applicò il metodo analitico, dissolvendo l’immagine da Buddha del famoso mercante in un bagliore di sfaccettature argentee. Mentre gli angoli d’intersezione definiscono le superfici come se si trattasse di piani trasparenti, essi strutturano al tempo stesso l’opera facendone una sorta d’impalcatura architettonica, rendendo lo spazio indeterminato e piatto.

In alcuni punti cruciali le sfaccettature si sovrappongono, si dissolvono o mutano colore, assumendo sfumature color carne, rivelando una figura e un volto, la cui identità corrisponde inconfondibilmente all’uomo che Cèzanne aveva ritratto quindici anni prima.

IL CUBISMO SINTETICO

Ansioso di recuperare altri aspetti della realtà, rinunciando alle convenzioni dell’arte del passato, Picasso rinunciò al colore a olio e ai pennelli per utilizzare elementi concreti, incollati direttamente sul supporto.

All’inizio del 1912, Picasso creò la Nature morte à la chaise cannée e inventò il collage, una delle tecniche più fertili e liberatorie concepite dall’arte moderna. L’insolita combinazione di banalità e di dubbio metafisico simboleggiata dal collage di Picasso fu sottolineata per la prima volta da Apollinaire, nel saggio più acuto e poetico sul Cubismo. Apollinaire scrisse di Picasso: Allora egli interrogò acutamente l’universo. Si abituò all’immensa luce degli abissi.

picasso cubismoE talora non disdegnò di utilizzare oggetti veri, lo spartito di una canzone da quattro soldi, un vero francobollo postale, un pezzo di tela ricoperto col rivestimento di una sedia. Il pittore non cercava di aggiungere alcun elemento pittoresco alla verità di questi oggetti.

La sorpresa ride selvaggiamente nella purezza della luce, ed è perfettamente legittimo usare numeri e lettere stampate come elementi pittorici; nuovi nell’arte essi sono già intrisi di umanità. Ormai in possesso di una gamma assai più estesa di mezzi pittorici, Picasso e Braque iniziarono a fare quadri non più fondati sulla frammentazione ma sull’assemblaggio e sulla costruzione di forme. Questo nuovo stile, costruttivo e sintetico anziché analitico, divenne noto come “cubismo sintetico”.

Meno ermetico e cerebrale, il cubismo sintetico rimase una forma espressiva dominante per tutti gli anni Venti e per alcuni fondamenti estetici esso conserva valore ancora oggi. In questa fase più accessibile, il Cubismo divenne uno stile internazionale, costituendo un terreno fertile per artisti di ogni temperamento e dando origine a opere più piatte e monumentali di quelle del periodo analitico, di cromia e di tessitura più ricca e d’ispirazione più varia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here