Il Futurismo di Marinetti

0
24

Marinetti e Constantin Brâncuși visitarono l' Abbazia di Créteil nel 1908 insieme a giovani scrittori come Roger Allard (uno dei primi a difendere il cubismo), Pierre Jean Jouve e Paul Castiaux, che voleva pubblicare le loro opere attraverso l' Abbazia.

L' Abbazia di Créteil è stata fondata nell' autunno del 1906 dal pittore Albert Gleizes e dai poeti René Arcos, Henri-Martin Barzun, Alexandre Mercereau e Charles Vildrac. Il movimento trae ispirazione dall' Abbazia di Thélème, una creazione fittizia di Rabelais nel suo romanzo Gargantua. Fu chiuso dai suoi membri all' inizio del 1908.

Filippo Tommaso Marinetti è meglio conosciuto come l' autore del Manifesto futurista, da lui scritto nel 1909. E' stato pubblicato in francese sulla prima pagina del più prestigioso quotidiano francese, Le Figaro, il 20 febbraio 1909.

Nella fondazione e nel Manifesto del Futurismo, Marinetti ha dichiarato che "l' arte, infatti, non può essere altro che violenza, crudeltà e ingiustizia". Georges Sorel, che ha influenzato l' intero spettro politico dall' anarchismo al fascismo, ha sostenuto anche l' importanza della violenza. Il futurismo aveva elementi sia anarchici che fascisti; Marinetti divenne in seguito un attivo sostenitore di Benito Mussolini.

Marinetti, che ammirava la velocità, subì un piccolo incidente d' auto fuori Milano nel 1908, quando si avventurò in un fosso per evitare due ciclisti. Si riferiva all' incidente del Manifesto futurista: il Marinetti che fu aiutato a uscire dal fossato era un uomo nuovo, determinato a porre fine alla finzione e decadenza dello stile Liberty prevalente. Ha discusso con i suoi amici un programma nuovo e fortemente rivoluzionario, in cui si dovrebbe porre fine ad ogni rapporto artistico con il passato,"distruggere i musei, le biblioteche, ogni tipo di accademia".

Insieme, scrisse: "Noi glorificheremo la guerra - l'unica igiene del mondo -, il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttivo dei libertari, le belle idee per le quali vale la pena di morire e il disprezzo per la donna".

Il Manifesto futurista è stato letto e discusso in tutta Europa, ma le prime opere "futuriste" di Marinetti non hanno avuto altrettanto successo. Nel mese di aprile, la notte di apertura del suo dramma Le Roi bombance, scritto nel 1905, fu interrotto da un forte e derisorio fischio del pubblico... e dallo stesso Marinetti, che introdusse così un altro elemento del Futurismo,"il desiderio di essere assediato". Marinetti ha invece combattuto un duello con un critico che considerava troppo duro.

Anche il suo dramma La donna è mobile (Poupées électriques), presentato per la prima volta a Torino, non ha avuto successo. Oggi lo spettacolo viene ricordato attraverso una versione successiva, denominata Elettricità sessuale, e soprattutto per l' apparizione sul palco di automi umanoidi, dieci anni prima che lo scrittore ceco Karel Čapek inventasse il termine "robot".

Nel 1910 il suo primo romanzo, Mafarka il futurista, fu cancellato da una prova di oscenità. In quell' anno Marinetti scoprì alcuni alleati in tre giovani pittori (Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo), che adottarono la filosofia futurista. Insieme a loro (e con poeti come Aldo Palazzeschi), Marinetti ha dato il via ad una serie di serate futuriste, spettacoli teatrali in cui i futuristi hanno declamato i loro manifesti davanti ad una folla che in parte ha assistito alle rappresentazioni per buttare loro verdure.

L'"accadimento" di maggior successo di quel periodo fu la pubblicazione del "Manifesto contro Venezia Past-Loving Venice" a Venezia. Nel volantino, Marinetti chiede di "riempire" i piccoli canali puzzati con le macerie dei vecchi palazzi crollati e lebbrosi "per" preparare la nascita di una Venezia industriale e militarizzata, capace di dominare il grande Adriatico, un grande lago italiano ".

Nel 1911 iniziò la guerra italo-turca e Marinetti partì per la Libia come corrispondente di guerra per un giornale francese. I suoi articoli sono stati infine raccolti e pubblicati in The Battle Of Tripoli. Ha poi coperto la prima guerra balcanica del 1912-13, testimoniando il sorprendente successo delle truppe bulgare contro l' Impero Ottomano nell' assedio degli Adrianopoli.

In questo periodo ha fatto anche numerose visite a Londra, che considera' la città futurista per eccellenza', e dove sono state organizzate numerose mostre, conferenze e dimostrazioni di musica futurista. Tuttavia, anche se un certo numero di artisti, tra cui Wyndham Lewis, erano interessati al nuovo movimento, solo un convertito britannico è stato fatto, il giovane artista C. R. W. Nevinson. Tuttavia, il futurismo ha avuto un' influenza importante sulla filosofia vorticista di Lewis.

Più o meno nello stesso periodo, Marinetti lavorò su un romanzo molto anti cattolico e anti austriaco, Le monoplan du Pape (L'aeroplano del Papa, 1912) e curò un' antologia di poeti futuristi. Ma i suoi tentativi di rinnovare lo stile della poesia non lo soddisfacevano. Tanto che, nella sua prefazione all' antologia, dichiarò una nuova rivoluzione: era tempo di essere fatto con la sintassi tradizionale e di usare "parole in libertà" (parola in libertà).

Il suo poema sonoro Zang Tumb Tumb Tumb, un racconto della Battaglia degli Adrianopoli, esemplifica le parole in libertà. Si possono ascoltare registrazioni di Marinetti che leggono alcune delle sue poesie sonore: Battaglia, Peso + Odore (1912); Dune, parole in libertà (1914); La Battaglia di Adrianopoli (1926) (registrata nel 1935).

CONDIVIDI
Articolo precedenteSofonisba Anguissola
Prossimo articoloFuturismo: opere e artisti principali
Redazione TuttArteOnline

La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here