Futurismo (arte): riassunto e caratteristiche

0
28

Il più importante movimento artistico italiano d' avanguardia del XX secolo, il Futurismo celebra le tecnologie avanzate e la modernità urbana. Impegnati verso il nuovo, i suoi membri hanno voluto distruggere le forme più antiche di cultura e di dimostrare la bellezza della vita moderna - la bellezza della macchina, la velocità, la violenza e il cambiamento.

Sebbene il movimento favorisse l' architettura, la maggior parte dei suoi aderenti erano artisti che lavoravano nei media tradizionali come la pittura e la scultura, e in una gamma eclettica di stili ispirati al post-impressionismo.

Tuttavia, erano interessati ad abbracciare i media popolari e le nuove tecnologie per comunicare le loro idee. Il loro entusiasmo per la modernità e la macchina li portò infine a celebrare l' arrivo della prima guerra mondiale.

Alla sua fine il gruppo fu in gran parte speso come un' importante avanguardia, anche se proseguì negli anni Venti del Novecento, e, durante quel periodo, molti dei suoi membri continuarono ad abbracciare il fascismo, facendo del Futurismo l' unica avanguardia del Novecento ad aver abbracciato la politica di estrema destra.

Caratteristiche principali

I futuristi erano affascinati dai problemi di rappresentare l' esperienza moderna, e si sforzavano di far evocare ai loro dipinti ogni sorta di sensazioni - e non solo quelle visibili all' occhio. L' arte futurista, al suo meglio, richiama alla mente il rumore, il calore e persino l' odore della metropoli.

A differenza di molti altri movimenti d' arte moderna, come l' impressionismo e il pointillismo, il futurismo non è stato immediatamente identificato con uno stile distintivo. I suoi seguaci lavoravano invece in modo eclettico, mutuando da vari aspetti del Post-Impressionismo, tra cui il Simbolismo e il Divisionismo. Fu solo nel 1911 che emerse uno stile futurista distintivo, e poi fu un prodotto di influenza cubista.

I futuristi sono stati affascinati dalle nuove tecnologie visive, in particolare dalla crono-fotografia, predecessore dell' animazione e del cinema, che ha permesso di mostrare il movimento di un oggetto attraverso una sequenza di fotogrammi. Questa tecnologia ha influito in modo importante sul loro approccio nel mostrare il movimento nella pittura, incoraggiando un' arte astratta dalle qualità ritmiche e pulsante.

 

Riassunto

Inizi

futurismo marinetti boccioni
Umberto Boccioni (a sinistra) e Filippo Tommaso Marinetti nel 1910

Il Futurismo iniziò la sua trasformazione della cultura italiana il 20 febbraio 1909, con la pubblicazione del Manifesto futurista, redatto dallo scrittore Filippo Tommaso Marinetti.

E' apparso sulla prima pagina di Le Figaro, allora il più grande quotidiano di diffusione in Francia, e la trovata ha segnalato il desiderio del movimento di utilizzare mezzi di comunicazione moderni e popolari per diffondere le sue idee.

Il gruppo avrebbe pubblicato più manifesti con il passare degli anni, ma questo riassumeva il loro spirito, celebrando l'"età della macchina", il trionfo della tecnologia sulla natura e contrastando le tradizioni artistiche precedenti.

Le idee di Marinetti hanno riscosso il sostegno degli artisti Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Gino Severini e Carlo Carrà, che credevano di poter essere tradotti in un' arte figurativa moderna che esplorava le proprietà dello spazio e del movimento. Il movimento inizialmente si è centrato su Milano, ma si è diffuso rapidamente a Torino e Napoli, e negli anni successivi Marinetti l' ha promosso con vigore all' estero.

Concetti e stili

Il gruppo italiano è stato lento a sviluppare uno stile distinto. Negli anni precedenti all' emergere del movimento, i suoi membri avevano lavorato in una gamma eclettica di stili ispirati al Post-Impressionismo, e continuavano a farlo.

Severini era tipico nel suo interesse per il divisionismo, che consisteva nel suddividere la luce e il colore in una serie di puntini e strisce, e nel suddividere il piano dell' immagine in segmenti per ottenere un senso di profondità ambiguo. Il divisionismo affonda le sue radici nella teoria del colore del XIX secolo e nelle opere pointilliste di pittori come Georges Seurat.

Nel 1911, alla Mostra d' arte libera di Milano, vengono esposti dipinti futuristi e gli inviti sono estesi a "tutti coloro che vogliono affermare qualcosa di nuovo, cioè lontano da imitazioni, derivazioni e falsificazioni". I dipinti presentavano pennellate filiformi e colori ad alta risoluzione che rappresentavano lo spazio come frammentato e fratturato.

Soggetti e temi incentrati sulla tecnologia, la velocità e la violenza, piuttosto che su ritratti o semplici paesaggi. Tra i dipinti c' era The City Rises (1910) di Boccioni, un quadro che può affermare di essere il primo dipinto futurista in virtù del suo stile avanzato, influenzato dai cubisti. La reazione del pubblico è stata eterogenea. Critici francesi provenienti da circoli letterari e artistici espresso ostilità, mentre molti lodato il contenuto innovativo.

L' incontro di Boccioni con la pittura cubista a Parigi ha avuto un' influenza importante su di lui, e lo ha riportato ai suoi coetanei in Italia. Tuttavia, i futuristi sostenevano di rifiutare lo stile, in quanto lo ritenevano troppo preoccupato per gli oggetti statici, e non abbastanza per il movimento del mondo moderno. Il loro fascino per il movimento ha suscitato l' interesse per la crono-fotografia. Balla era particolarmente entusiasta della tecnologia, e le sue immagini a volte evocano animazioni frenetiche, con oggetti sfuocati dal movimento.

Come afferma il Manifesto Tecnico della Pittura Futurista,"A causa della persistenza di un' immagine sulla retina, gli oggetti in movimento si moltiplicano costantemente; la loro forma cambia come rapide vibrazioni nella loro folle carriera. Così un cavallo in corsa non ha quattro zampe, ma venti, e i loro movimenti sono triangolari". Piuttosto che percepire un' azione come una performance di un singolo arto, i futuristi consideravano l' azione come la convergenza nel tempo e nello spazio di più estremità.

Sviluppi successivi

Artisti futuristi del 1913; da sinistra Decio Cinti, Luigi Russolo, Armando Mazza, Filippo Tommaso Marinetti, Paolo Buzzi, Umberto Boccioni

Nel 1913, Boccioni utilizzò la scultura per articolare ulteriormente il dinamismo futurista. Forme uniche di continuità nello spazio (1913) esemplifica l' azione vigorosa e il rapporto tra oggetto e ambiente. Il pezzo fu una svolta per il movimento futurista, ma dopo il 1913 il movimento cominciò a spezzarsi, man mano che i suoi membri svilupparono le loro posizioni personali.

Nel 1915 l' Italia entra nella prima guerra mondiale; alla sua fine, Boccioni e l' architetto futurista Antonio Sant' Elia perirono. Dopo la guerra, il centro del movimento si sposta da Milano a Roma; Severini continua a dipingere nel caratteristico stile futurista, e il movimento rimane attivo negli anni Venti del Novecento, ma da esso era passata l' energia.

Tuttavia, il Futurismo ha innescato importanti sviluppi al di fuori dell' Italia. Una sintesi del cubismo parigino e del futurismo italiano ebbe particolare influenza in Russia tra il 1912 e il 1920, ispirando artisti come Kazimir Malevich, Liubov Popova, Natalia Goncharova e David Burliuk. Gli sviluppi in Russia hanno reso il movimento molto diverso dal ceppo italiano, e diversi aspetti di esso sono spesso descritti come Rayonist, o cubo-futurista.

Il Cubo-Futurismo influenzò anche l' arte inglese, dove diede vita al movimento vorticista, che abbracciò il filosofo T. E. Hulme, poeta Ezra Pound e artisti Christopher Nevinson, Wyndham Lewis, David Bomberg e Jacob Epstein.

Sebbene l' impatto del Futurismo italiano fosse concentrato nelle arti visive, ha ispirato artisti di altri media: Vladimir Mayakovsky è stato importante nello sviluppo di una letteratura futurista in Russia; l' architetto italiano Antonio Sant' Elia ha sviluppato un' architettura futurista, e si dice che abbia stilato un manifesto sull' argomento (i suoi progetti potrebbero aver influenzato le scenografie del film Bladerunner (1982) di Ridley Scott); e Luigi Russolo si sposta dalla pittura alla creazione di strumenti musicali, per poi scrivere il manifesto "L' Arte dei Rumori" (1913), da allora significativo punto di riferimento per la musica d' avanguardia.

Anche se gran parte dell' energia aveva lasciato il movimento negli anni Venti, l' estetica futurista divenne anche parte del mix di stili modernisti che ispirarono l' Art Deco.

Per approfondire

- 0,73 EURPiù venduti - Posizione n. 1
Futurismo. La prima avanguardia. Ediz. illustrata
3 Recensioni
Futurismo. La prima avanguardia. Ediz. illustrata
  • Claudia Salaris
  • Giunti Editore
  • Copertina flessibile: 52 pagine
- 0,88 EURPiù venduti - Posizione n. 2
Futurismo
1 Recensioni
Futurismo
  • Flaminio. Gualdoni
  • Skira
- 2,85 EURPiù venduti - Posizione n. 3
Futurismo 1909-2009. Velocità + arte + azione
  • Skira
  • Copertina rigida: 452 pagine
- 5,25 EURPiù venduti - Posizione n. 4
Futurismo. L'avanguardia delle avanguardie. Catalogo della mostra (Venezia, 12 giugno-4 ottobre 2009)
1 Recensioni
- 1,48 EURPiù venduti - Posizione n. 5
Futurismo
  • Claudia Salaris
  • Editrice Bibliografica
  • Copertina flessibile: 140 pagine
Più venduti - Posizione n. 6
Parole magnetiche del Futurismo
1 Recensioni
Parole magnetiche del Futurismo
  • Tic Edizioni - F.T. Marinetti
  • Tic Edizioni
  • Edizione n. 1 (10/06/2015)
  • Copertina rigida: 0 pagine
- 1,20 EURPiù venduti - Posizione n. 7
Futurismo. Ediz. illustrata
  • Sylvia Martin
  • Taschen
  • Copertina flessibile: 96 pagine
Più venduti - Posizione n. 8
Futurismo 1909-2009
1 Recensioni
Futurismo 1909-2009
  • MONDO HOME ENTERTAINMENT SPA (06/23/2009)
  • tempo di esecuzione: 120 min
  • Italiano
- 5,00 EURPiù venduti - Posizione n. 9
Manifesti del futurismo
  • Abscondita
  • Copertina flessibile: 252 pagine
- 4,20 EURPiù venduti - Posizione n. 10
Le due avanguardie. Dal futurismo alla pop art
1 Recensioni
Le due avanguardie. Dal futurismo alla pop art
  • Maurizio Calvesi
  • Laterza
  • Edizione n. 8 (01/16/1998)
  • Copertina flessibile: 402 pagine
CONDIVIDI
Articolo precedentePittori Russi
Prossimo articoloManifesto del futurismo

La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here