Biografia di Caravaggio

0
161

Caravaggio, o Michelangelo Merisi, era un pittore italiano considerato uno dei padri della pittura moderna.

Caravaggio nacque come Michelangelo Merisi in Italia intorno al 1571. Rimase orfano all’età di 11 anni e fece un apprendistato con un pittore a Milano. Si trasferì a Roma, dove il suo lavoro divenne popolare per la tecnica del tenebrismo che utilizzava l’ombra per enfatizzare le zone più chiare. La sua carriera, tuttavia, ebbe vita breve. Caravaggio uccise un uomo durante una rissa e fuggì da Roma. Morì poco dopo, il 18 luglio 1610.

Indice dei contenuti

Primi anni di Caravaggio

Caravaggio, i cui capolavori di fuoco includono “La morte della Vergine” e “Davide con la testa di Golia”, e che ha ispirato generazioni di artisti, nacque come Michelangelo Merisi da Caravaggio nel 1571 in Italia. Il mondo in cui arrivò fu violento e, a volte, instabile. La sua nascita avvenne appena una settimana prima della battaglia di Lepanto, un sanguinoso conflitto in cui gli invasori turchi furono cacciati dalla cristianità.

Non si sa molto della prima vita familiare di Caravaggio. Suo padre, Fermo Merisi, era l’amministratore e architetto del marchese di Caravaggio. Quando Caravaggio aveva sei anni, la peste bubbonica si è propagata nella sua vita, uccidendo quasi tutti i membri della sua famiglia, compreso suo padre.

Secondo lo scrittore Andrew Graham-Dixon, autore della biografia del 2011 “Caravaggio: A Life Sacred and Profane”, la travagliata età adulta dell’artista derivava direttamente da quella perdita traumatica della sua famiglia. “Sembra quasi destinato a trasgredire”, scrive Dixon. È quasi come se non potesse evitare di trasgredire”. Non appena viene accolto dall’autorità, accolto dal Papa, accolto dai Cavalieri di Malta, deve fare qualcosa per sbagliare. È quasi come un difetto fatale”.

Rimasto orfano, Caravaggio è sceso in strada e si è ritrovato con un gruppo di “pittori e spadaccini che vivevano secondo il motto nec spe, nec metu, ‘senza speranza, senza paura'”, scriveva un precedente biografo.

All’età di 11 anni, Caravaggio si trasferì a Milano e iniziò l’apprendistato presso il pittore Simone Peterzano. Nella tarda adolescenza, forse già nel 1588, un Caravaggio senza un soldo si trasferì a Roma. Lì, per nutrirsi, Caravaggio trovò lavoro assistendo altri pittori, molti dei quali avevano meno talento di lui. Ma, come l’instabilità definì la sua esistenza, Caravaggio saltò da un lavoro all’altro.

Intorno al 1595, Caravaggio si ritirò da solo e iniziò a vendere i suoi quadri attraverso un commerciante. Il suo lavoro attirò presto l’attenzione del cardinale Francesco del Monte, che adorava i dipinti di Caravaggio e lo mise subito in casa sua, con vitto, alloggio e pensione.

Pittore prolifico, Caravaggio era noto per la rapidità con cui lavorava, spesso iniziando e completando un quadro in sole due settimane. Quando era arrivato sotto l’influenza del Monte, Caravaggio aveva già 40 opere a suo nome. La formazione comprendeva “Ragazzo con un cesto di frutta”, “Il giovane Bacco” e “Il Partito musicale”.

Gran parte dell’opera giovanile di Caravaggio era caratterizzata da ragazzi paffuti e graziosi, fatti come angeli o liutisti o dal suo santo prediletto, Giovanni Battista. Molti dei ragazzi nei dipinti sono nudi o vestiti in modo approssimativo. L’unico assistente noto di Caravaggio era un ragazzo di nome Cecco, che appare in diverse opere di Caravaggio e che potrebbe essere stato anche il suo amante.

Nel 1597 Caravaggio ricevette l’incarico per la decorazione della Cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma. Si trattava di un incarico importante e scoraggiante, affidando al ventiseienne pittore l’incarico di realizzare tre grandi tele raffiguranti scene separate dalla vita di San Matteo.

Le tre opere risultanti, “San Matteo e l’Angelo”, “La Chiamata di San Matteo” e “Il Martirio di San Matteo”, furono completate nel 1601, e insieme mostravano la notevole portata artistica di Caravaggio.

Ma queste opere suscitarono anche molta costernazione da parte della chiesa e del pubblico. Nell’esecuzione dell’opera, Caravaggio si sottrasse alle tradizionali raffigurazioni adorabili dei santi e presentò San Matteo in una luce molto più realistica. La sua prima versione di “San Matteo e l’Angelo” causò così tanta angoscia tra i suoi patroni che dovette rifare.

Per Caravaggio, tuttavia, la commissione fornì una nuova ed entusiasmante direzione per la sua pittura, una direzione in cui egli poteva sollevare le scene religiose tradizionali e proiettarle con la sua personale interpretazione oscura. Le sue scene bibliche si popolano di prostitute, mendicanti e ladri che aveva incontrato per le strade di Roma.

Oltre a qualche sollievo economico, la commissione della Cappella Contarelli fornì a Caravaggio una grande quantità di esposizione e di lavoro. Tra i suoi dipinti degli anni successivi ricordiamo “La Crocifissione di San Pietro”, “La conversione di San Paolo”, “La Deposizione di Cristo” e la sua famosa “Morte della Vergine”. Quest’ultimo, con la raffigurazione della Vergine Maria con il ventre gonfio e le gambe nude, confezionava così tanto dello stile caravaggesco che fu voltato via dai Carmelitani e infine approdato nelle mani del Duca di Mantova.

Vita in difficoltà

La polemica, però, non fa che alimentare il successo di Caravaggio. E man mano che quel successo cresceva, cresceva anche l’agitazione personale del pittore. Potrebbe essere un uomo violento, con sbalzi di umore drastici e l’amore per il bere e il gioco d’azzardo.

Frequente combattente, Caravaggio fu condannato a una breve pena detentiva nel 1603 a seguito della denuncia di un altro pittore che Caravaggio lo aveva attaccato. Ma negli anni successivi il carattere di Caravaggio si fece sentire sempre più caldo. La sua litania di assalti comprendeva il lancio di un piatto di carciofi a un cameriere nel 1604, e l’attacco alle guardie romane con pietre nel 1605. Scritto un osservatore: “Dopo due settimane di lavoro, per un mese o due, con una spada al suo fianco e un servo che lo segue, da un campo da ballo all’altro, sempre pronto a combattere o a litigare”.

La sua violenza esplose infine con la forza nel 1606, quando uccise un noto magnaccia romano di nome Ranuccio Tomassoni. Gli storici hanno a lungo speculato su ciò che è stato alla base del crimine. Alcuni hanno suggerito che si trattasse di un debito non pagato, mentre altri hanno sostenuto che era il risultato di una discussione su una partita di tennis. Più recentemente, gli storici, tra cui Andrew Graham-Dixon, hanno sottolineato la brama di Caravaggio per la moglie di Tomassoni, Lavinia.

Caravaggio in fuga

Subito dopo l’omicidio, Caravaggio fuggì da Roma e si rifugiò in molti altri luoghi: Napoli, Malta e la Sicilia, tra gli altri. Ma anche quando fuggì dalla punizione per il suo crimine, la fama seguì Caravaggio. A Malta, fu ricevuto nell’Ordine di Malta come Cavaliere di Giustizia, premio che gli fu presto ritirato quando l’Ordine venne a conoscenza del crimine che aveva commesso.

Tuttavia, anche quando fuggì, Caravaggio continuò a lavorare. A Napoli dipinse “Madonna del Rosario” per un collega pittore, e poi “Le sette opere di misericordia” per la chiesa della Cappella del Pio di Monte della Misericordia.

A Malta, ha creato “Decapitazione di San Giovanni Battista” per la cattedrale di La Valletta. A Messina, le sue opere includono “La risurrezione di Lazzaro” e “L’adorazione dei pastori”, mentre a Palermo dipinge “L’adorazione con San Francesco e San Lorenzo”.

Uno dei quadri più scioccanti di questo periodo è la “Resurrezione”, in cui il pittore rivela un Gesù Cristo meno santo e più sporco, che fugge dalla sua tomba nel cuore della notte. Questa scena è stata senza dubbio ispirata dagli eventi della vita di Caravaggio. Caravaggio era ormai diventato un fuorilegge, sempre in fuga e in costante timore per la sua vita, tanto che dormiva con i vestiti addosso e con un pugnale al suo fianco.

Ultimi anni di Caravaggio

L’omicidio che Caravaggio commette nel 1606 non è la fine delle sue violenze. Nel luglio 1608 attaccò fra Giovanni Rodomonte Roero, uno dei cavalieri più anziani dell’Ordine di San Giovanni a Malta. Caravaggio fu arrestato e imprigionato per l’assalto, ma riuscì a fuggire solo un mese dopo.

Secondo le ricerche di Andrew Graham-Dixon, Roero non si lasciò alle spalle l’attacco. Nel 1609 seguì Caravaggio a Napoli e assalì il pittore fuori da un’osteria, sfigurandogli il volto.

L’attacco ebbe un profondo impatto sullo stato mentale e fisico di Caravaggio. La sua visione e la sua pennellata subirono l’assalto, come testimoniano due dei suoi dipinti successivi, “Il martirio di Sant’Orsola” e “La negazione di San Pietro”.

Per evitare la punizione per omicidio, l’unica salvezza di Caravaggio poteva venire dal papa, che aveva il potere di perdonarlo. Molto probabilmente informato che gli amici stavano lavorando per suo conto per ottenere il suo perdono, nel 1610 Caravaggio iniziò a tornare a Roma. Partito da Napoli, fu arrestato a Palo, dove la sua barca si era fermata. Dopo il suo rilascio, riprese il viaggio e giunse a Port’Ercole, dove morì pochi giorni dopo, il 18 luglio 1610.

Per molti anni la causa esatta della morte di Caravaggio era stata avvolta nel mistero. Ma nel 2010, un team di scienziati che studiò i resti di Caravaggio scoprì che le sue ossa contenevano livelli di piombo abbastanza alti, sospettano, da far impazzire il pittore. L’avvelenamento da piombo è anche sospettato di aver ucciso Francisco Goya e Vincent van Gogh.

Influenza

Anche se Caravaggio fu ignorato dopo la sua morte, alla fine venne riconosciuto come uno dei padri fondatori della pittura moderna. Il suo lavoro influenzò moltissimi maestri del futuro, da Diego Velazquez a Rembrandt. A Roma, nel 2010, una mostra delle sue opere che ha segnato il 400° anniversario della sua morte ha attirato più di 580.000 visitatori.

Porrebbe interessarti anche:
CONDIVIDI
Articolo precedenteBiografia di Bansky
Prossimo articoloBiografia di Salvador Dalí
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here