Arte paleocristiana: riassunto e principali caratteristiche

0
142

L'arte paleocristiana, detta anche arte primitiva cristiana, è l'architettura, pittura e scultura che va dagli inizi del cristianesimo fino all' inizio del VI secolo, in particolare l' arte dell' Italia e del Mediterraneo occidentale. (L' arte paleocristiana nella parte orientale dell' Impero Romano è generalmente considerata parte dell' arte bizantina)

arte paleocristiana

La religione cristiana faceva parte di una tendenza generale del tardo Impero romano verso il misticismo e la spiritualità. Con lo sviluppo del cristianesimo, la sua arte rifletteva il clima artistico tardo antico prevalente. A parte le differenze di materia, le opere cristiane e pagane hanno avuto lo stesso aspetto; infatti, è possibile dimostrare che la stessa bottega talvolta produceva sculture sia per scopi cristiani che non cristiani.

L' arte cristiana più antica è costituita da alcune pitture murali e dipinti sul soffitto del II secolo nelle catacombe romane (camere sepolcrali sotterranee), che per tutto il IV secolo continuarono ad essere decorate con uno stile abbagliante derivato dall' impressionismo romano.

Essi forniscono un resoconto importante di alcuni aspetti dello sviluppo della materia cristiana. L' iconografia cristiana più antica tendeva ad essere simbolica. Bastava una semplice resa di un pesce per alludere a Cristo. Pane e vino invocavano l' Eucaristia. Durante i secoli III e IV, nei dipinti catacombi e in altre manifestazioni, i cristiani cominciarono ad adattare i familiari prototipi pagani a nuovi significati.

Le prime rappresentazioni figurative di Cristo, per esempio, lo mostrano spesso come il buon pastore prendendo direttamente in prestito da un prototipo classico. A volte è stato anche raffigurato con il pretesto di dèi o eroi familiari, come Apollo o Orfeo.

Solo più tardi, quando la religione stessa aveva raggiunto un certo grado di potere terreno, assunse attributi più esaltanti. Le narrazioni tendevano inizialmente ad essere tipologiche, spesso suggerendo paralleli tra l' Antico e il Nuovo Testamento.

Le prime scene della vita di Cristo da raffigurare furono i miracoli. La Passione, in particolare la stessa Crocifissione, è stata generalmente evitata fino a quando la religione era ben fondata.

Gli inizi dell' arte paleocristiana risalgono al periodo in cui la religione era ancora una setta modesta e talvolta perseguitata, e la sua fioritura fu possibile solo dopo il 313, quando l' imperatore cristiano Costantino il Grande decretò la tolleranza ufficiale del cristianesimo. Conseguente sponsorizzazione imperiale ha portato la popolarità religione, ricchezze, e molti convertiti da tutte le classi della società.

Improvvisamente la chiesa doveva produrre arte e architettura su scala più ambiziosa per accogliere ed educare i suoi nuovi membri e rifletterne la nuova dignità e importanza sociale.

Chiese e santuari sono stati presto costruiti in tutto l' impero, molti sponsorizzati da Costantino stesso. Questi edifici erano in genere basiliche a cinque navate, come l' Antico San Pietro a Roma, o edifici a pianta basilicale centrati su un santuario rotondo o poligonale, come quello della Chiesa della Natività a Betlemme.

La scultura su larga scala non era popolare, ma la scultura in rilievo su sarcofagi, come quella di Junius Bassus (di 359 esemplari), e le sculture in avorio e le copertine dei libri continuano ad essere prodotte. Le pareti delle chiese erano decorate con dipinti o mosaici per istruire i fedeli. La chiesa di Sta.

Maria Maggiore a Roma ha un vasto programma musivo di scene del Vecchio e Nuovo Testamento iniziato nel 432. La pittura raffigurava anche libri liturgici e altri manoscritti.

L' arte di questo periodo aveva le sue radici nello stile classico romano, ma si sviluppò in un' espressione artistica più astratta e semplificata. Il suo ideale non era bellezza fisica ma sentimento spirituale.

Le figure umane divennero così dei tipi piuttosto che degli individui e spesso avevano grandi occhi fissi,"le finestre dell' anima". I simboli venivano spesso usati, e le composizioni erano piatte e ieratiche, al fine di concentrarsi e visualizzare chiaramente l' idea principale. Sebbene l' arte del periodo si sia volutamente discostata dal naturalismo precedente, talvolta ha grande potere e immediatezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here