Arte africana: riassunto e caratteristiche

0
14

È difficile fornire un utile riassunto delle principali caratteristiche dell'arte africana, in particolare dell'arte dell'Africa subsahariana.

La varietà delle forme e delle pratiche è così grande che il tentativo di farlo si traduce in una serie di affermazioni che si rivelano altrettanto vere, ad esempio, per l' arte occidentale. Così, un po' di arte africana ha valore come intrattenimento; un po' ha un significato politico o ideologico; un po' è strumentale in un contesto rituale; un po' ha valore estetico in sé. Molto spesso, un' opera d' arte africana combina più o tutti questi elementi.

Allo stesso modo, ci sono artisti a tempo pieno e a tempo parziale; ci sono artisti che fanno parte dell' establishment politico e coloro che sono ostracizzati e disprezzati; e alcune forme d' arte possono essere fatte da chiunque, mentre altre richiedono la devozione di un esperto. Le rivendicazioni di un' estetica pan-africana sottostante devono essere considerate altamente controverse.

Tuttavia, si possono fare altre osservazioni generali sullo status dell' arte precoloniale subsahariana. In primo luogo, in qualsiasi lingua africana, un concetto di arte come significato diverso dall' abilità sarebbe l' eccezione piuttosto che la regola. Ciò non è dovuto a una limitazione intrinseca della cultura africana, ma alle condizioni storiche in cui le culture europee sono arrivate al loro concetto di arte.

La separazione occidentale dell' arte raffinata dall' artigianato più povero (vale a dire, l' abilità utile) è nata da una sequenza di cambiamenti sociali, economici e intellettuali in Europa che non si verificarono in Africa prima del periodo coloniale. Questa separazione, quindi, non può essere applicata senza qualificazione alle tradizioni africane di origine precoloniale.

I filosofi dell' arte in Occidente potrebbero convenire che le opere d' arte sono semplicemente manufatti realizzati con l' intenzione di possedere un valore estetico, e in questo senso l' arte, che includerebbe sia l' artigianato che le opere d' arte, si troverebbe infatti in tutte le parti dell' Africa (come avviene in tutta la cultura umana).

Ma anche in questo caso, però, l' arte africana deve essere compresa attraverso l' indagine e la comprensione dei valori estetici locali piuttosto che attraverso l' imposizione di categorie di origine esterna. Può essere un campo di mucchi di igname benestante (come, ad esempio, tra i Tiv della Nigeria) o un bue da esposizione castrato per esaltarne l' effetto visivo (come tra i pastori Nuer e Dinka del Sud Sudan) che costituisce la significativa opera d' arte in una determinata area dell' Africa.

La nozione popolare dell' arte africana in Occidente, tuttavia, è molto diversa, perché si pensa che comprenda maschere e pochissimo altro, ad eccezione forse del "colore locale": questo equivoco è stato esaltato dal già citato concetto europeo di arte raffinata, ma può essere nato da una dipendenza, durante il primo periodo di interesse occidentale per l' arte africana, da manufatti collezionabili - alcuni dei quali (pezzi di scultura, per esempio) si sono inseriti ordinatamente nella categoria.

La pittura in Africa si presumeva a lungo non esistesse in misura significativa, in gran parte perché si trovava sulle pelli dei corpi umani, sulle pareti delle case e sulle pareti di roccia - nessuno dei quali era collezionabile. Chiaramente, il campo estetico in Africa non è così limitato.

Un' altra incomprensione è che in Occidente l' arte è creata per amore dell' arte, mentre in Africa precoloniale l' arte era solo funzionale. Il motivo per la creazione di qualsiasi opera d' arte è inevitabilmente complesso, in Africa come altrove, e il fatto che la maggior parte dei manufatti scolpiti conosciuti dall' Africa siano stati realizzati con un uso pratico in mente (sia per scopi rituali che di altro tipo) non significa che non possano essere valutati contemporaneamente come fonti di piacere estetico.

Spesso si presume anche che l' artista africano sia vincolato dalla tradizione in contrasto con la libertà concessa all' artista occidentale. Ma, sebbene esistano tradizioni d' arte in cui le aspettative degli avventori esigono la ripetizione di una forma scenografica nell' arte africana, esistono anche tradizioni di origine precoloniale che esigono un alto livello di originalità inventiva - come la tessitura della seta Asante e il ricamo di rafia kuba. Ci sono altre tradizioni in cui una forma standard può essere abbellita in modo così elaborato come l' artista o il patrono desidera. Il punto importante è che particolari tradizioni incoraggiano la creatività.

Detto questo, alcune caratteristiche generali dell' arte africana possono essere identificate. Tra questi vi sono l' innovazione della forma, cioè la preoccupazione dell' artista africano per l' innovazione e la creatività; l' astrazione visiva e la convenzionalizzazione; una combinazione visiva di composizione equilibrata e asimmetria; il primato della scultura; la trasformazione e l' ornamento del corpo umano; e una generale molteplicità di significati. Va anche notato che una componente primaria dell' arte tradizionale africana è la performance e l' assemblaggio. La combinazione di musica, danza, vestito e ornamento corporeo - così come scultura e maschere - è spesso ciò che conferisce significato e dinamismo ai singoli oggetti d' arte.

Stile, tribù e identità etnica

Un luogo comune della critica d' arte africana è stato quello di identificare stili particolari secondo nomi apparentemente tribali, come Asante, Kuba o Nuba. Il concetto di tribù, tuttavia, è problematico e generalmente è stato scartato. I nomi "tribali", infatti, si riferiscono a volte alla lingua parlata, a volte alle entità politiche, a volte ad altri tipi di raggruppamenti, ma i confini tra popoli che parlano lingue diverse o che riconoscono capi diversi non coincidono necessariamente con i rispettivi confini tribali. Inoltre, l' idea stessa di tribù è un tentativo di imporre l' identità dall' esterno.

Che questo sia accaduto è comprensibile, date le esigenze dell' amministrazione coloniale, ma questa contingenza storica non può non comprendere la dinamica della variazione stilistica in Africa. Il senso di identità che gli individui e i gruppi indubbiamente hanno con gli altri, che è stato frainteso come "tribù", ma che viene meglio definito come "identità etnica", è qualcosa che deriva dal rapporto costruito attraverso molte reti diverse: chi si può sposare, la propria lingua e le proprie appartenenze religiose, il capo la cui autorità si riconosce, chi sono i propri antenati, il tipo di lavoro che si fa, e così via. A volte l' arte africana gioca un ruolo in questo, come quando un culto religioso o un capo o una gilda impiega manufatti distintivi come segno di unicità. A volte i confini sono basati sulle differenze linguistiche, ma questo può essere casuale.

Per quanto riguarda le differenze di stile, si verificano regolarità di forma e tradizione tali che è possibile attribuire particolari oggetti d' arte africani a luoghi, regioni o periodi particolari. Quattro variabili distinte rendono possibile questo tipo di identificazione stilistica. Il primo è la geografia, in quanto, a parità di altre condizioni, le persone in luoghi diversi tendono a fare o a fare le cose in modi diversi. Il secondo è la tecnologia, in quanto in alcuni settori le differenze di stile dipendono dal materiale impiegato.

Il terzo è l' individualità, in quanto un esperto può identificare le opere di singoli artisti; l' incapacità di farlo deriva solitamente da una mancanza di familiarità. Il quarto è l' istituzione, in quanto la creazione di opere d' arte avviene sotto l' influenza delle istituzioni sociali e culturali caratteristiche di ogni luogo.

Ma gli artefatti possono essere scambiati e poi copiati; gli artisti stessi possono viaggiare; le istituzioni, complete di artefatti associati, possono spostarsi o diffondersi da una zona all' altra, a volte perché vengono copiati da un popolo vicino, a volte perché acquistati, a volte come risultato della conquista. Il risultato finale è una complessità stilistica nell' arte africana che sfida la facile classificazione.

I nomi precedentemente intesi come riferirsi alle tribù possono tuttavia continuare ad essere usati come stenografia conveniente, purché ci si renda conto che non tutti rappresentano categorie equivalenti. Un nome tribale può riferirsi ad un gruppo numerato non più di qualche migliaio; un altro può riferirsi alla lingua parlata in una determinata area; un altro può riferirsi ad un impero che comprende popoli di distinte identità storiche.

Scultura e arti associate

Anche se il legno è il mezzo più noto della scultura africana, molti altri sono impiegati: leghe di rame, ferro, avorio, avorio, ceramica, argilla cruda e, raramente, pietra. L' argilla cruda è - e probabilmente è sempre stata - il mezzo più utilizzato in tutto il continente, ma, anche perché è così fragile e quindi difficile da raccogliere, è stata ampiamente ignorata in letteratura. Piccole figurine di argilla cotta sono state scavate in un tumulo a Daima, vicino al lago del Ciad, a livelli risalenti al 5° secolo o precedenti, mentre altre sono state trovate in Zimbabwe nei giacimenti dell' ultima parte del I millennio.

Entrambe queste scoperte implicano una fase ancora più precoce della modellazione dell' argilla cruda. Circa l' epoca di questi livelli più bassi a Daima (che rappresentano un neolitico, o New Stone Age, economia pastorale), più a ovest fiorì la cultura del Nok completamente Iron Age, producendo grandi sculture cave in ceramica ben cotta, alcune delle cui caratteristiche stilistiche implicano ancora prototipi in legno.

Le fusioni in lega di rame con la tecnica del cire-perdue ("a cera persa") testimoniano le grandi realizzazioni scultoree fin dal IX secolo, quando i fabbri di Igbo Ukwu (in quella che oggi è la Nigeria) gettavano il bronzo al piombo, che è altamente duttile, e si buttava il rame, che non lo è. Circa tre o quattro secoli dopo, i fabbri di Ife, apparentemente inconsapevoli del fatto che il rame non legato non era adatto per la colata (o forse per dimostrare il loro virtuosismo), lo usarono per produrre capolavori come la figura seduta in un santuario a Tada e la cosiddetta maschera Obalufon nel Museo dell' Ife.

Infatti, gli ottoni di zinco sono stati utilizzati più del rame non legato. Il più grande corpus di quest' opera è del Benin, dove gli ottoni di zinco venivano usati quasi esclusivamente. Queste fusioni in lega di rame, insieme alle sculture in ceramica (la cui storia tracciabile risale ancora più lontano), sono la principale testimonianza della storia antica della scultura nell' Africa subsahariana.

Sculture in ferro battuto si trovano in una serie di tradizioni, soprattutto in Africa occidentale, tra cui i popoli Dogon, Bambara, Fon e Yoruba.

La scultura lapidea si trova in diversi centri separati, impiegando sia roccia dura che morbida, ma di solito non c' è molta evidenza di uno sviluppo attraverso il tempo in un unico luogo. Avorio è un mezzo molto apprezzato in molte parti dell' Africa. La sua texture fine lo rende adatto per la scultura delicata, mentre la sua rarità porta al suo impiego in molte società per oggetti di grande prestigio.

Le sculture in legno africane sono scolpite con strumenti simili in tutto il continente. Un' ascia può essere usata per abbattere l' albero, ma un adz, con il suo tagliente ad angolo retto rispetto all' albero, è usato per il lavoro sostanziale di intaglio. L' abilità raggiunta con questo strumento è sorprendente per l' osservatore occidentale. I trucioli sottili possono essere rimossi con velocità e precisione, creando una superficie (soprattutto quando la forma è convessa) che mostra leggere sfaccettature che catturano la luce e contribuiscono all' interesse visivo.

Lavoro più complesso è fatto con i coltelli. Un' asta di ferro a punta riscaldata nel fuoco può essere utilizzata per forare fori in una maschera per l' attaccamento al costume e per permettere a chi lo indossa di vedere. La superficie della scultura è talvolta lucidata con il lato di un coltello o levigata con foglie ruvide. I dettagli sono comunemente scelti con un metodo che prevede la carbonizzazione con un coltello rosso caldo (come tra gli Ibibio della Nigeria), oppure l' intaglio è immerso nel fango per scurirne la superficie prima di oliare (come tra i Danisti della Costa d' Avorio).

Per approfondire

- 1,20 EURPiù venduti - Posizione n. 1
Arte africana
1 Recensioni
Arte africana
  • Taschen
  • Copertina flessibile: 96 pagine
- 7,49 EURPiù venduti - Posizione n. 2
Arte africana
  • Logos
  • Logos
  • Copertina rigida: 576 pagine
- 2,85 EURPiù venduti - Posizione n. 3
L'arte africana contemporanea
  • Jean-Loup Amselle
  • Bollati Boringhieri
  • Copertina flessibile: 188 pagine
Più venduti - Posizione n. 4
Maschera tribale MASAI intagliata a mano arte africana Kenya mogano legno scuro Misura piccola altezza 10 - 13 cm circa
  • Maschera tribale MASAI misura SMALL altezza 13CM circa
  • HAND MADE IN KENYA
  • Legno scuro mogano finemente lavorato
  • commercio equo
  • colori principali: mogano, rosso
Più venduti - Posizione n. 5
African style. Dall'arte africana tradizionale all'arte contemporanea
  • Bruno Albertino, Anna Alberghina
  • Neos Edizioni
  • Copertina flessibile: 144 pagine
- 3,60 EURPiù venduti - Posizione n. 6
Arte africana. Ediz. illustrata: 1
  • Ezio Bassani
  • Skira
  • Copertina rigida: 297 pagine
- 3,78 EURPiù venduti - Posizione n. 7
Arte africana
  • Ivan Bargna
  • Jaca Book
  • Copertina flessibile: 240 pagine
Più venduti - Posizione n. 8
Arte africana. Ediz. illustrata
  • Egidio Cossa
  • Giunti Editore
  • Copertina flessibile: 52 pagine
- 4,05 EURPiù venduti - Posizione n. 9
Mama Africa. La maternità nell'arte africana
1 Recensioni
Mama Africa. La maternità nell'arte africana
  • Bruno Albertino, Anna Alberghina
  • Neos Edizioni
  • Copertina flessibile: 176 pagine
- 0,60 EURPiù venduti - Posizione n. 10
Archeologia africana. Preistoria, storia antica e arte rupestre
2 Recensioni
Archeologia africana. Preistoria, storia antica e arte rupestre
  • Savino Di Lernia
  • Carocci
  • Copertina flessibile: 321 pagine
CONDIVIDI
Articolo precedenteFuturismo: opere e artisti principali
Prossimo articoloBiografia di Pablo Picasso
Redazione TuttArteOnline

La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here